Diacarb (acetazolamide)

Ci sono controindicazioni. Consultare il proprio medico prima di prenderlo.

Nomi commerciali d'oltremare (oltremare) - Diamox, Diazomid, Diluran, Glaupax.

Attualmente, analoghi (generici) del farmaco NON sono in vendita nelle farmacie di Mosca..

Tutti i farmaci usati in cardiologia sono qui.

Puoi fare una domanda o lasciare una recensione sul medicinale (per favore, non dimenticare di indicare il nome del medicinale nel testo del messaggio) qui.

Preparazioni contenenti acetazolamide (acetazolamide, codice ATC (ATC) S01EC01):

Diacarb (acetazolamide) - istruzioni per l'uso. Farmaco su prescrizione, le informazioni sono destinate esclusivamente agli operatori sanitari!

Gruppo clinico e farmacologico:

Diuretico. Inibitore dell'anidrasi carbonica.

effetto farmacologico

Diuretico dal gruppo di inibitori dell'anidrasi carbonica. Ha un debole effetto diuretico. Inibisce l'enzima anidrasi carbonica nel tubulo contorto prossimale del nefrone, aumenta l'escrezione urinaria di sodio, potassio, ioni bicarbonato, non influenza l'escrezione di ioni cloro; provoca un aumento del pH delle urine. Viola l'equilibrio acido-base (acidosi metabolica). L'inibizione dell'anidrasi carbonica del corpo ciliare porta a una diminuzione della secrezione di umor acqueo e ad una diminuzione della pressione intraoculare. La soppressione dell'attività dell'anidrasi carbonica nel cervello determina l'attività anticonvulsivante del farmaco.

Durata dell'azione - fino a 12 ore.

farmacocinetica

Dopo somministrazione orale, l'acetazolamide è ben assorbito dal tratto gastrointestinale. Dopo aver assunto Diakarb alla dose di 500 mg, la Cmax del principio attivo è di 12-27 μg / ml e si ottiene dopo 1-3 ore La concentrazione determinata di acetazolamide nel plasma viene mantenuta per 24 ore dopo l'assunzione del farmaco.

Distribuzione e metabolismo

È distribuito principalmente in eritrociti, reni, muscoli, tessuti del bulbo oculare e del sistema nervoso centrale. Si lega alle proteine ​​plasmatiche in misura elevata. Penetra nella barriera placentare.

L'acetazolamide non è biotrasformata nel corpo.

Viene escreto invariato dai reni. Circa il 90% della dose viene escreto nelle urine entro 24 ore.

Indicazioni per l'uso del farmaco DIAKARB®

  • sindrome edematosa (gravità da lieve a moderata, in combinazione con alcalosi);
  • glaucoma (primario e secondario, nonché in un attacco acuto);
  • epilessia (come parte della terapia di combinazione);
  • malattia acuta di altitudine (montagna).

Regime di dosaggio

In caso di sindrome edematosa all'inizio del trattamento, il farmaco viene prescritto in una dose di 250-375 mg (1-1,5 compresse) 1 volta al giorno al mattino. Il massimo effetto diuretico si ottiene prendendo il farmaco a giorni alterni o 2 giorni consecutivi, quindi una pausa di un giorno. Quando si utilizza Diacarb, la terapia per l'insufficienza circolatoria, inclusi i glicosidi cardiaci, deve essere continuata, una dieta con un'assunzione limitata di sale e carenza di potassio deve essere reintegrata.

Per gli adulti con glaucoma ad angolo aperto, il farmaco viene prescritto in una singola dose di 250 mg (1 compressa) 1-4 volte al giorno. Dosi superiori a 1 g non aumentano l'effetto terapeutico. Nel glaucoma secondario, il farmaco viene prescritto in una singola dose di 250 mg (1 compressa) ogni 4 ore In alcuni pazienti, l'effetto terapeutico si manifesta dopo un'assunzione a breve termine del farmaco, 250 mg 2 volte al giorno. Negli attacchi acuti di glaucoma, il farmaco viene prescritto 250 mg 4 volte al giorno.

Per i bambini con attacchi di glaucoma, Diakarb® è prescritto alla dose di 10-15 mg / kg di peso corporeo al giorno per 3-4 dosi.

Per l'epilessia, agli adulti vengono prescritti 250-500 mg al giorno in una dose per 3 giorni, il 4 ° giorno - una pausa. Bambini dai 4 ai 12 mesi - 50 mg al giorno in 1-2 dosi; bambini di età compresa tra 2-3 anni - 50-125 mg al giorno in 1-2 dosi; bambini e adolescenti dai 4 ai 18 anni - 125-250 mg 1 volta al giorno al mattino. Con l'uso simultaneo di Diakarb con altri anticonvulsivanti all'inizio del trattamento, si usano 250 mg (1 compressa) una volta al giorno, se necessario, aumentando gradualmente la dose. I bambini non devono usare dosi superiori a 750 mg al giorno..

Per il mal di montagna, si consiglia di utilizzare il farmaco in una dose di 500-1000 mg (2-4 compresse) al giorno; in caso di risalita rapida - 1000 mg al giorno. La dose giornaliera è divisa in diverse dosi in dosi uguali. Il farmaco deve essere usato 24-48 ore prima dell'ascesa e, se compaiono i sintomi della malattia, continuare il trattamento per le successive 48 ore o più, se necessario..

Se salta l'assunzione del farmaco, non deve aumentare la dose con la dose successiva..

Effetto collaterale

Dal lato del sistema nervoso centrale e del sistema nervoso periferico: convulsioni, parestesie, acufene, miopia; con uso prolungato - disorientamento, tocco alterato, sonnolenza.

Dal sistema ematopoietico: in alcuni casi con uso prolungato - anemia emolitica, leucopenia, agranulocitosi.

Da parte del bilancio idrico-elettrolitico e dell'equilibrio acido-base: ipopotassiemia, acidosi metabolica.

Dal sistema urinario: in alcuni casi con uso prolungato - nefrolitiasi, ematuria transitoria e glucosuria.

Dal sistema digestivo: anoressia; con uso prolungato - nausea, vomito, diarrea.

Reazioni dermatologiche: arrossamento della pelle, prurito, orticaria.

Altri: debolezza muscolare, con uso prolungato - reazioni allergiche.

Controindicazioni all'uso del farmaco DIAKARB®

  • insufficienza renale acuta;
  • insufficienza epatica;
  • ipokaliemia;
  • acidosi;
  • hypocorticism;
  • Morbo di Addison;
  • uremia;
  • diabete;
  • gravidanza;
  • allattamento;
  • ipersensibilità a componenti di medicina.

Il farmaco è prescritto con cautela per l'edema della genesi epatica e renale e se assunto in associazione con acido acetilsalicilico ad alte dosi.

Uso del farmaco DIAKARB® durante la gravidanza e l'allattamento

Diacarb® è controindicato per l'uso durante la gravidanza e l'allattamento.

Domanda di violazioni della funzionalità epatica

Controindicato nell'insufficienza epatica.

Domanda di funzionalità renale compromessa

Controindicato nell'insufficienza renale acuta. Il farmaco deve essere usato con cautela nei pazienti con funzionalità renale compromessa a causa di un aumentato rischio di acidosi metabolica..

Applicazione nei bambini

Il farmaco viene utilizzato secondo le indicazioni e in una dose aggiustata in base all'età.

istruzioni speciali

Quando si prescrive il farmaco per più di 5 giorni consecutivi, aumenta il rischio di sviluppare acidosi metabolica.

Con l'uso a lungo termine del farmaco, devono essere monitorati il ​​quadro ematico periferico, gli indicatori dell'elettrolita dell'acqua e l'equilibrio acido-base.

Influenza sulla capacità di guidare veicoli e usare meccanismi

Diacarb®, specialmente in dosi elevate, può provocare sonnolenza, affaticamento, vertigini e disorientamento, pertanto durante il trattamento i pazienti non devono guidare veicoli e lavorare con meccanismi che richiedono una maggiore concentrazione di attenzione e velocità delle reazioni psicomotorie.

Overdose

Non sono descritti casi di overdose o avvelenamento acuto.

Sintomi: possibile aumento degli effetti collaterali descritti.

Trattamento: effettuare la terapia sintomatica.

Interazioni farmacologiche

Se usato in combinazione con farmaci antiepilettici, Diacarb® migliora le manifestazioni dell'osteomalacia.

Con l'uso combinato di Diakarb con altri diuretici e teofillina, l'effetto diuretico è potenziato.

Con l'uso simultaneo di Diakarb con diuretici a base acida, l'effetto diuretico diminuisce.

Con l'uso simultaneo di Diacarb® aumenta il rischio di effetti tossici di salicilati, farmaci digitali, carbamazepina, efedrina, rilassanti muscolari non depolarizzanti.

Condizioni di erogazione dalle farmacie

Il farmaco è dispensato dalla prescrizione.

Condizioni e periodi di conservazione

Elenco B. Il farmaco deve essere conservato in un luogo asciutto, buio e fuori dalla portata dei bambini a una temperatura non superiore a 25 ° C. Periodo di validità - 5 anni.

Acetazolamide (acetazolamide)

Titolare dell'autorizzazione all'immissione in commercio:

Prodotto da:

Forma di dosaggio

reg. No: LP-004909 dal 03.07.18 - Attuale
Acetazolamide

Forma di rilascio, confezione e composizione del farmaco Acetazolamide

Compresse bianche o quasi bianche, rotonde, piatte cilindriche, con un punteggio e uno smusso.

1 etichetta.
acetazolamide250 mg

Eccipienti: cellulosa microcristallina - 120 mg, povidone K25 - 18 mg, croscarmellosa sodica - 8 mg, magnesio stearato - 2 mg, biossido di silicio colloidale - 2 mg.

10 pezzi. - confezione cellulare sagomata (1) - confezioni di cartone.
10 pezzi. - pacchi di celle di contorno (2) - pacchi di cartone.
10 pezzi. - pacchi di celle di contorno (3) - pacchi di cartone.
10 pezzi. - confezione per celle di contorno (4) - confezioni di cartone.
10 pezzi. - confezione cellulare sagomata (5) - confezioni di cartone.
10 pezzi. - pacchi di celle di contorno (10) - pacchi di cartone.
12 pezzi - confezione cellulare sagomata (1) - confezioni di cartone.
12 pezzi - pacchi di celle di contorno (2) - pacchi di cartone.
12 pezzi - pacchi di celle di contorno (3) - pacchi di cartone.
12 pezzi - confezione per celle di contorno (4) - confezioni di cartone.
12 pezzi - confezione cellulare sagomata (5) - confezioni di cartone.
12 pezzi - pacchi di celle di contorno (10) - pacchi di cartone.
24 pezzi - confezione cellulare sagomata (1) - confezioni di cartone.
24 pezzi - pacchi di celle di contorno (2) - pacchi di cartone.
24 pezzi - pacchi di celle di contorno (3) - pacchi di cartone.
24 pezzi - confezione per celle di contorno (4) - confezioni di cartone.
24 pezzi - confezione cellulare sagomata (5) - confezioni di cartone.
24 pezzi - pacchi di celle di contorno (10) - pacchi di cartone.
30 pezzi - confezione cellulare sagomata (1) - confezioni di cartone.
30 pezzi - pacchi di celle di contorno (2) - pacchi di cartone.
30 pezzi - pacchi di celle di contorno (3) - pacchi di cartone.
30 pezzi - confezione per celle di contorno (4) - confezioni di cartone.
30 pezzi - confezione cellulare sagomata (5) - confezioni di cartone.
30 pezzi - pacchi di celle di contorno (10) - pacchi di cartone.
10 pezzi. - lattine (1) - confezioni di cartone.
12 pezzi - lattine (1) - confezioni di cartone.
20 pezzi - lattine (1) - confezioni di cartone.
24 pezzi - lattine (1) - confezioni di cartone.
30 pezzi - lattine (1) - confezioni di cartone.
40 pezzi - lattine (1) - confezioni di cartone.
50 pezzi - lattine (1) - confezioni di cartone.
100 pezzi. - lattine (1) - confezioni di cartone.

effetto farmacologico

farmacocinetica

Dopo somministrazione orale, l'acetazolamide è ben assorbito dal tratto gastrointestinale. Dopo aver assunto una dose di 500 mg, la Cmax della sostanza attiva è di 12-27 μg / ml e viene raggiunta dopo 1-3 ore La concentrazione determinata di acetazolamide nel plasma viene mantenuta per 24 ore dopo la somministrazione. È distribuito principalmente in eritrociti, reni, muscoli, tessuti del bulbo oculare e del sistema nervoso centrale. Si lega alle proteine ​​plasmatiche in misura elevata. Penetra nella barriera placentare.

L'acetazolamide non è biotrasformata nel corpo. Viene escreto invariato dai reni. Circa il 90% della dose viene escreto nelle urine entro 24 ore.

Indicazioni delle sostanze attive del farmaco Acetazolamide

Apri l'elenco dei codici ICD-10
Codice ICD-10Indicazione
G40Epilessia
G93.2Ipertensione endocranica benigna
H40Glaucoma
I27.9Insufficienza cardiaca polmonare, non specificata
I50.0Insufficienza cardiaca congestizia
R60Edema, non classificato altrove

Regime di dosaggio

Effetto collaterale

Forse: ipopotassiemia, debolezza muscolare, convulsioni, arrossamento della pelle, mancanza di appetito, acidosi metabolica, prurito.

Con l'uso prolungato, vengono descritti casi di nefrolitiasi, ematuria transitoria e glucosuria, anemia emolitica, leucopenia, agranulocitosi, parestesie, disorientamento..

Controindicazioni per l'uso

Applicazione durante la gravidanza e l'allattamento

L'acetazolamide è controindicata nel primo trimestre, nei II e III trimestre è usata con cautela e solo nei casi in cui il potenziale beneficio per la madre supera il potenziale rischio per il feto.

L'acetazolamide in piccola quantità viene escreta nel latte materno, pertanto, se necessario, durante l'allattamento, l'allattamento deve essere interrotto.

Domanda di violazioni della funzionalità epatica

Domanda di funzionalità renale compromessa

Uso nei pazienti anziani

istruzioni speciali

L'acetazolamide non deve essere utilizzata per più di 5 giorni consecutivi a causa di un aumentato rischio di acidosi metabolica.

Usare con cautela nei pazienti anziani e / o nei pazienti con funzionalità renale compromessa a causa di un aumentato rischio di acidosi metabolica. L'acetazolamide può aumentare le manifestazioni di osteomalacia causate da anticonvulsivanti, aumentare il rischio di effetti tossici di salicilati, farmaci digitali, carbamazepina, efedrina, miorilassanti non depolarizzanti. Allo stesso tempo, l'acetazolamide aumenta l'efficacia clinica dell'insulina e degli agenti ipoglicemizzanti orali.

Interazioni farmacologiche

Con l'uso simultaneo con farmaci anticolinesterasici, la debolezza muscolare aumenta nei pazienti con miastenia grave.

Con l'uso simultaneo, aumenta il rischio di sviluppare effetti tossici di salicilati, farmaci digitali, carbamazepina, efedrina, miorilassanti non depolarizzanti.

Con l'uso simultaneo di diuretici, la teofillina potenzia l'effetto diuretico.

Con l'uso simultaneo con preparati al litio, è possibile un aumento dell'escrezione di litio nelle urine. Viene descritto un caso di sviluppo di intossicazione da litio (con un aumento significativo della sua concentrazione nel plasma sanguigno) dopo terapia con acetazolamide per 1 mese.

Il cloruro di ammonio provoca acidosi e indebolisce l'acetazolamide (non deve essere usato contemporaneamente).

Con l'uso simultaneo di acetazolamide, aumenta l'efficacia clinica dell'insulina, degli agenti ipoglicemizzanti orali.

Con l'uso simultaneo con primidone, è possibile ridurre la concentrazione di primidone nel siero del sangue, ridurre il suo effetto anticonvulsivante, pronunciata osteomalacia; con fenitoina, fenobarbital - osteomalacia grave.

È stato riferito che con l'uso simultaneo di un aumento significativo e rapido della concentrazione di ciclosporina nel plasma sanguigno, che può essere accompagnato da effetti tossici sui reni.

Acetazolamide

Acetazolamide

Composizione

1 compressa contiene il principio attivo: acetazolamide - 250,00 mg.

Gruppo farmacoterapico

Codice ATX

effetto farmacologico

L'acetazolamide è un inibitore sistemico dell'anidrasi carbonica con debole attività diuretica. L'anidrasi carbonica (CA) è un enzima coinvolto nell'idratazione dell'anidride carbonica e nella disidratazione dell'acido carbonico. L'inibizione dell'anidrasi carbonica riduce la formazione di ioni bicarbonato con una conseguente riduzione del trasporto di sodio nelle cellule. Gli effetti dell'uso di preparati di acetazolamide sono dovuti al punto di applicazione della molecola: i plessi vascolari del cervello, il nefrone prossimale, il corpo ciliare dell'occhio, gli eritrociti. L'acetazolamide è usata per trattare i disturbi del liquido cerebrospinale e l'ipertensione endocranica riducendo la produzione di liquido cerebrospinale in eccesso a livello del plesso vascolare del cervello. L'inibizione dell'anidrasi carbonica negli ependimociti del plesso coroideo riduce la carica negativa in eccesso nelle cellule dell'ependima e diminuisce la filtrazione graduale del plasma nella cavità dei ventricoli cerebrali. L'acetazolamide è usata nel trattamento della sindrome dell'edema a causa del suo debole effetto diuretico. Come risultato dell'inibizione dell'attività dell'anidrasi carbonica nel nefrone prossimale, c'è una diminuzione della formazione di acido carbonico e una diminuzione del riassorbimento di ioni bicarbonato e sodio da parte dell'epitelio dei tubuli, in relazione al quale aumenta significativamente il rilascio di acqua. L'acetazolamide aumenta l'escrezione di idrocarburi, che può portare allo sviluppo di acidosi metabolica. L'acetazolamide provoca l'escrezione di fosfati, magnesio, calcio da parte dei reni, che può anche portare a disturbi metabolici. Durante i successivi tre giorni di terapia, il riassorbimento degli ioni sodio nella regione distale viene attivato compensativamente.

Indicazioni per l'uso

• Sindrome da edema (lieve o moderata, in combinazione con alcalosi); • Sollievo di un attacco acuto di glaucoma, preparazione preoperatoria di pazienti, casi persistenti di glaucoma (in terapia complessa); • Per l'epilessia, come terapia aggiuntiva ai farmaci antiepilettici; • Malattia acuta da "altitudine" (il farmaco accorcia i tempi di acclimatazione); • Disturbi del liquido cerebrospinale, ipertensione endocranica (ipertensione endocranica benigna, ipertensione endocranica dopo shunt ventricolare) in terapia complessa.

Controindicazioni

Ipersensibilità ad acetazolamide, altri sulfamidici e / o componenti di farmaci; • insufficienza renale acuta; • grave insufficienza renale cronica (clearance della creatinina inferiore a 10 ml / min); • uremia; • insufficienza epatica (rischio di sviluppare encefalopatia); • ipopotassiemia refrattaria; • iponatriemia refrattaria; • acidosi metabolica; • ipocorticismo; • Morbo di Addison; • diabete mellito scompensato; • uso a lungo termine nel glaucoma ad angolo chiuso cronico, poiché una ridotta pressione intraoculare può nascondere il peggioramento del glaucoma e consentire lo sviluppo della chiusura ad angolo organico; • gravidanza (I trimestre); • periodo di allattamento al seno; • età da bambini fino a 3 anni.

Metodo di somministrazione e dosaggio

Il farmaco viene assunto per via orale, rigorosamente secondo la prescrizione del medico. Se salta l'assunzione del farmaco, non aumentare la dose con la dose successiva. Sindrome edematosa All'inizio del trattamento, assumere 250 mg al mattino. Per ottenere il massimo effetto diuretico, è necessario assumere il farmaco Acetazolamide 1 volta al giorno a giorni alterni o 2 giorni consecutivi con una pausa di un giorno. L'aumento della dose non aumenta l'effetto diuretico. Con una riduzione della risposta precedentemente raggiunta alla terapia con acetazolamide, il farmaco deve essere sospeso per un giorno (per ripristinare l'attività dell'anidrasi carbonica renale). L'uso di acetazolamide non annulla la necessità di altri farmaci, il riposo a letto e la limitazione dell'assunzione di cloruro di sodio. Il glaucoma acetazolamide deve essere assunto come parte di una terapia complessa. Per gli adulti con glaucoma ad angolo aperto, il farmaco viene prescritto alla dose di 250 mg 1-4 volte al giorno. Dosi superiori a 1000 mg non aumentano l'effetto terapeutico. Per il glaucoma secondario, il farmaco viene prescritto alla dose di 250 mg ogni 4 ore durante il giorno. In alcuni pazienti, l'effetto terapeutico si manifesta dopo un'assunzione a breve termine del farmaco alla dose di 250 mg 2 volte al giorno. In attacchi acuti di glaucoma: il farmaco viene prescritto 250 mg 4 volte al giorno. Per i bambini di età superiore ai 3 anni, con attacchi di glaucoma, il farmaco viene prescritto alla dose di 10-15 mg / kg di peso corporeo al giorno in 3-4 dosi. Dopo 5 giorni dall'ammissione, fai una pausa di 2 giorni. Con un trattamento a lungo termine, è necessario prescrivere preparati di potassio, una dieta a risparmio di potassio. In preparazione dell'operazione, nominare 250-500 mg il giorno prima e la mattina dell'intervento. Dosi di epilessia per adulti: 250-500 mg / die in una dose per 3 giorni, il 4 ° giorno una pausa. Con l'uso simultaneo di acetazolamide con altri anticonvulsivanti all'inizio del trattamento, si usano 250 mg 1 volta al giorno, aumentando gradualmente la dose se necessario. La dose massima giornaliera negli adulti è di 1000 mg. Dosi per bambini di età superiore a 3 anni: 8-30 mg / kg al giorno, suddivise in 1-4 dosi. La dose massima giornaliera è di 750 mg. Malattia acuta da "altitudine" Si consiglia di utilizzare il farmaco in una dose di 500-1000 mg al giorno. Nel caso di una rapida ascesa - 1000 mg al giorno. Il farmaco deve essere usato 24-48 ore prima dell'arrampicata. Se compaiono sintomi di malattia, il trattamento viene continuato per le successive 48 ore o più.

Modulo per il rilascio

Compresse 250 mg. Su 10, 12, 24 o 30 compresse in blister confezionate con un film di polivinilcloruro e foglio di alluminio stampato verniciato. 10, 12, 20, 24, 30, 40, 50 o 100 compresse in barattoli di polietilene tereftalato per medicinali o polipropilene per medicinali, sigillati con coperchi in polietilene ad alta pressione con controllo di prima apertura, o coperchi in polipropilene con sistema push-turn »O coperchi in polietilene a bassa pressione con controllo di prima apertura. Una confezione o 1, 2, 3, 4, 5 o 10 bolle insieme alle istruzioni per l'uso sono collocate in una confezione di cartone (confezione).

Acetazolamide

Azione farmacista

Diuretico debole. Inibisce l'anidrasi carbonica nel tubulo contorto prossimale del nefrone, aumenta l'escrezione urinaria di Na +, K +, bicarbonato, non influenza l'escrezione di Cl-, alcalinizza l'urina. Viola la CBS (acidosi metabolica). L'inibizione dell'anidrasi carbonica del corpo ciliare porta a una diminuzione della secrezione di umor acqueo e ad una diminuzione della pressione intraoculare. La capacità di sopprimere l'attività dell'anidrasi carbonica nel cervello determina la presenza di una certa attività antiepilettica nel farmaco. Riduce la formazione di liquido cerebrospinale e riduce la pressione intracranica. Durata dell'azione - fino a 12 ore.

farmacocinetica

Assorbimento - alto, Cmax nel sangue - 2 ore dopo l'assunzione di una dose di 500 mg. Penetra nella barriera placentare. La connessione con le proteine ​​plasmatiche è elevata. Escreto dai reni invariato.

indicazioni

Sindrome da edema (da lieve a moderata, in combinazione con alcalosi).
Ipertensione cranica;
glaucoma (primario e secondario, attacco acuto),
epilessia (convulsioni epilettiche minori nei bambini, assenze rare),
mal di montagna,
la malattia di Meniere,
tetany,
sindrome premestruale,
gotta.

Controindicazioni

Ipersensibilità, insufficienza renale acuta, insufficienza epatica, ipopotassiemia, acidosi, ipocorticismo, morbo di Addison, uremia, diabete mellito, gravidanza (I trimestre).
Accuratamente. Edema di origine epatica e renale.

dosaggio

Dentro. Con sindrome edematosa - 250 mg 1-2 volte al giorno in cicli di 5 giorni, seguiti da una pausa di due giorni. Con epilessia - 250-500 mg / giorno in una dose per 3 giorni, una pausa il giorno 4. Per un attacco di glaucoma, la dose iniziale è di 250-500 mg; quindi ogni 6 ore 250 mg, dopo 1-2 giorni riducono gradualmente la frequenza dell'appuntamento, prima a 3, quindi a 2 volte al giorno. Bambini 4-12 mesi - 50 mg / giorno in 1-2 dosi; 3-5 anni - 50-125 mg / giorno in 1-2 dosi; 4-18 anni - 125-250 mg una volta al mattino. Nel glaucoma cronico - 125-250 mg 1-3 volte a giorni alterni per 5 giorni.

Effetti collaterali

Ipopotassiemia, miastenia grave, convulsioni, arrossamento della pelle, parestesia, acufene, perdita di appetito, acidosi metabolica, prurito.
Con uso prolungato - nefrourolitiasi, ematuria, glucosuria, anemia emolitica, leucopenia, agranulocitosi, disorientamento, tatto alterato, sonnolenza, nausea, vomito, diarrea, reazioni allergiche, parestesie.

Interazione

Rafforza le manifestazioni dell'osteomalacia causate dall'assunzione di farmaci antiepilettici.
Dr. i diuretici e la teofillina aumentano la gravità dell'azione diuretica dell'acetazolamide, i diuretici che formano l'acido si indeboliscono.
GCS aumenta il rischio di ipopotassiemia.
Aumenta la tossicità di salicilati, farmaci digitali, carbamazepina, efedrina e rilassanti muscolari non polarizzanti.

istruzioni speciali

Se somministrato per più di 5 giorni, esiste un alto rischio di sviluppare acidosi metabolica.
Con l'uso prolungato, il bilancio idrico-elettrolitico, il quadro ematico periferico, la CBS devono essere monitorati.

Acetazolamide-Acri

Indicazioni per l'uso

- Ipertensione endocranica (ipertensione endocranica benigna, ipertensione endocranica dopo innesto di bypass ventricolare) in terapia complessa;

- malattia acuta da "altitudine" (il farmaco accorcia i tempi di acclimatazione);

- con epilessia come terapia aggiuntiva ai farmaci antiepilettici;

- sollievo da un attacco acuto di glaucoma, preparazione preoperatoria di pazienti, casi persistenti di glaucoma (in terapia complessa);

- sindrome edematosa (da lieve a moderata, in combinazione con alcalosi).

Possibili analoghi (sostituti)

Ingrediente attivo, gruppo

Forma di dosaggio

Come evitare di diventare vittima del "killer silenzioso"? A ogni quinto adulto al mondo viene diagnosticata l'ipertensione, che nella fase iniziale non ha praticamente sintomi. Leggi di più.

Controindicazioni

- Ipersensibilità all'acetazolamide (o ad altri sulfamidici), così come a qualsiasi altro componente del farmaco;

- insufficienza renale acuta;

- bambini di età inferiore a 3 anni (forma di dosaggio solida);

- gravidanza (I trimestre);

- insufficienza epatica (rischio di sviluppare encefalopatia); ipopotassiemia e iponatriemia refrattaria;

Come usare: dosaggio e ciclo di trattamento

All'inizio del trattamento, assumere 250 mg al mattino. Per ottenere il massimo effetto diuretico, è necessario prenderlo una volta al giorno a giorni alterni o 2 giorni consecutivi con una pausa di un giorno. L'aumento della dose non aumenta l'effetto diuretico.

Dovrebbe essere preso come parte di una terapia complessa.

Per gli adulti con glaucoma ad angolo aperto, il farmaco viene prescritto alla dose di 250 mg 1-4 volte al giorno. Dosi superiori a 1000 mg non aumentano l'effetto terapeutico. Per il glaucoma secondario, il farmaco viene prescritto alla dose di 250 mg ogni 4 ore durante il giorno. In alcuni pazienti, l'effetto terapeutico si manifesta dopo un'assunzione a breve termine del farmaco alla dose di 250 mg 2 volte al giorno..

Per attacchi acuti di glaucoma: 250 mg 4 volte al giorno.

Bambini di età superiore a 3 anni con attacchi di glaucoma: 10-15 mg / kg di peso corporeo al giorno in 3-4 dosi.

Dopo 5 giorni dall'ammissione, fai una pausa di 2 giorni. Con un trattamento a lungo termine, è necessario prescrivere preparati di potassio, una dieta a risparmio di potassio.

In preparazione dell'operazione, nominare 250-500 mg il giorno prima e la mattina dell'intervento..

Dosi per adulti: 250-500 mg al giorno in una dose per 3 giorni, il 4 ° giorno una pausa. Con l'uso simultaneo con altri anticonvulsivanti all'inizio del trattamento, vengono prescritti 250 mg 1 volta al giorno, aumentando gradualmente la dose se necessario.

Dosi per bambini di età superiore a 3 anni: 8-30 mg / kg al giorno, suddivise in 1-4 dosi. La dose massima giornaliera è di 750 mg.

effetto farmacologico

È un inibitore dell'anidrasi carbonica con debole attività diuretica. Il meccanismo d'azione è associato all'inibizione del rilascio di ioni sodio (Na +) e idrogeno (H +) nella molecola di acido carbonico. L'inibizione dell'attività dell'anidrasi carbonica con acetazolamide inibisce la sintesi di acido carbonico nel tubulo prossimale del nefrone. La mancanza di acido carbonico, che è una fonte di ioni H +, necessari per sostituire gli ioni Na +, aumenta l'escrezione di sodio e acqua da parte dei reni. Come risultato del rilascio di grandi quantità di sodio nella parte distale del nefrone, causato dall'acetazolamide, aumenta la sostituzione di ioni Na + con ioni potassio (K +), che porta a grandi perdite di K + e allo sviluppo di ipopotassiemia.

Effetti collaterali

Reazioni allergiche: eruzione cutanea sotto forma di eritema polimorfico, orticaria, sindrome di Stevens-Johnson, sindrome di Lyell, anafilassi.

Da parte degli organi ematopoietici: agranulocitosi, trombocitopenia, leucopenia e anemia aplastica, insufficienza di ematopoiesi del midollo osseo, pancitopenia, diatesi emorragica.

Dal sistema urinario: minzione frequente, nefrolitiasi.

Dal sistema digestivo: nausea, vomito, diarrea, melena, diminuzione dell'appetito, disturbi del gusto, necrosi epatica fulminante.

Indicatori di laboratorio: ematuria, glucosuria, iperglicemia, ipopotassiemia, iponatremia, squilibrio nel bilancio idrico-elettrolitico e stato acido-base (acidosi metabolica).

Dal lato del sistema nervoso centrale: parestesia, compromissione dell'udito o acufene, affaticamento, vertigini, atassia, sonnolenza e disorientamento, convulsioni, paralisi flaccida e fotofobia, alterazione del tocco, encefalopatia epatica (sullo sfondo dell'insufficienza epatica).

Altri: miopia transitoria, debolezza muscolare.

istruzioni speciali

Il farmaco alcalina l'urina.

Il farmaco può causare acidosi, quindi deve essere usato con cautela nei pazienti con embolia polmonare ed enfisema.

Il farmaco, usato in dosi superiori a quelle raccomandate, non aumenta la diuresi, ma può aumentare la sonnolenza e la parestesia e talvolta ridurre anche la produzione di urina.

In caso di ipersensibilità al farmaco, possono comparire effetti collaterali potenzialmente letali, ad esempio sindrome di Stevens-Johnson, sindrome di Lyell, necrosi epatica fulminante, agranulocitosi, anemia aplastica e diatesi emorragica. In caso di manifestazione di questi sintomi, è necessario interrompere immediatamente l'assunzione del farmaco e consultare un medico..

Applicazione durante la gravidanza e l'allattamento

Non è raccomandato durante la gravidanza (specialmente nel primo trimestre); in ogni caso, devono essere valutati l'effetto atteso della terapia e il potenziale rischio per il feto.

Categoria di azione FDA C.

L'allattamento al seno deve essere interrotto durante il trattamento

Interazione

Rafforza le manifestazioni dell'osteomalacia causate dall'assunzione di farmaci antiepilettici.

Aumenta la fenitoina sierica.

L'uso concomitante con anfetamina, atropina o chinidina può aumentare i loro effetti collaterali.

Se usato insieme a glicosidi cardiaci o farmaci che aumentano la pressione sanguigna, la dose deve essere aggiustata.

Il potenziamento dell'effetto diuretico si verifica quando combinato con metilxantine (aminofillina).

L'uso concomitante con acido acetilsalicilico può causare acidosi metabolica e migliorare gli effetti tossici sul sistema nervoso centrale.

Una riduzione dell'effetto diuretico si verifica quando combinato con cloruro di ammonio e altri diuretici a base acida.

Può aumentare gli effetti degli antagonisti dei folati, degli agenti ipoglicemizzanti e degli anticoagulanti orali.

Disponibilità di acetazolamide-acri *

Domande, risposte, recensioni sul farmaco Acetazolamide-Acri


Le informazioni fornite sono destinate a professionisti medici e farmaceutici. Le informazioni più precise sul farmaco sono contenute nelle istruzioni fornite con il pacchetto dal produttore. Nessuna informazione pubblicata su questa o qualsiasi altra pagina del nostro sito può servire da sostituto di un ricorso personale a uno specialista.

Acetazolamide: composizione, descrizione, analoghi e controindicazioni

Spesso nella pratica oftalmica, i diuretici vengono utilizzati per ridurre la pressione intracranica e intraoculare. Uno dei medicinali più comunemente usati è l'acetazolamide (diacarb). Affronta bene l'eliminazione del gonfiore di varie strutture, incluso il nervo ottico. Ma questo rimedio deve essere usato sotto la stretta supervisione di un medico, poiché spesso diventa la causa di una violazione del bilancio idrico-salino. Allo stesso tempo, il corso della terapia deve essere interrotto per qualche tempo al fine di ridurre il rischio di complicanze..

Brevi caratteristiche e descrizione del medicinale

"Acetazolamide" (nome commerciale "Diacarb") è un diuretico che si adatta bene come terapia per ridurre la pressione oculare e intracranica, nonché per ripristinare l'equilibrio idrico-salino. Oggi, questo farmaco è incluso nell'elenco dei farmaci vitali..

Il medicinale è disponibile sotto forma di compresse, poste in blister da dodici pezzi ciascuno, una confezione contiene due blister. Una pillola contiene duecentocinquanta milligrammi del principio attivo - acetazolamide, come ingredienti aggiuntivi che il farmaco include: talco, amido, sodio glicolato, povidone, magnesio stearato e altri.

Le compresse di acetazolamide sono generalmente prescritte in tali situazioni:

  • Gonfiore di gravità variabile;
  • Glaucoma acuto e cronico, sia primario che secondario;
  • Crisi epilettiche;
  • Sindrome di Meniere;
  • Ipertensione endocranica accompagnata da oftalmopatia;
  • Mal di montagna;
  • Insufficienza cardiaca polmonare;
  • Alta pressione oculare.

Conservare questo prodotto in un luogo buio e asciutto dove la temperatura dell'aria non supera i venticinque gradi Celsius. Il farmaco deve essere usato entro cinque anni dalla data di rilascio, quindi deve essere eliminato. I bambini non dovrebbero avere accesso ai farmaci.

Proprietà chimiche

L'acetazolamide è un diuretico che inibisce selettivamente l'enzima anidrasi carbonica. La sostanza è nell'elenco delle medicine essenziali e vitali. Viene usato raramente come diuretico, più spesso come decongestionante.

Peso molecolare del composto = 222,3 grammi per mole. La sostanza viene sintetizzata sotto forma di una polvere cristallina bianca inodore. L'agente è leggermente solubile in alcool, acqua, acetone, insolubile in cloroformio, tetracloruro di carbonio. La sostanza si dissolve facilmente in soluzioni alcaline.

Come funziona la medicina sul corpo?

Il meccanismo d'azione di "acetazolamide" si basa sul blocco dell'anidrasi carbonica. Il farmaco ha anche proprietà diuretiche. Il farmaco sopprime la produzione di acido carbonico, contribuendo ad aumentare la sintesi di acqua e sodio dai reni. Gli ioni sodio iniziano a essere sostituiti da ioni potassio, a causa dello sviluppo di questa ipopotassiemia, l'equilibrio sale-acqua può essere disturbato.

Il farmaco promuove l'escrezione di magnesio e calcio da parte dei reni, che può anche causare un disturbo dell'equilibrio idrico-salino.

Il blocco dell'anidrasi carbonica porta a una diminuzione della pressione oculare, all'eliminazione delle convulsioni, alla pressione intracranica. La durata del farmaco viene osservata per circa dodici ore.

Si consiglia di fare una pausa dalla terapia, se ciò non viene fatto, il farmaco provocherà lo sviluppo di complicazioni serie e persino pericolose per la salute. Il medico ti dirà in modo più dettagliato sul regime di trattamento in ogni caso..

In oftalmologia, il farmaco viene utilizzato per trattare il glaucoma, abbassando la pressione oculare. La dipendenza da droga dal farmaco non si sviluppa. Quando entra nel corpo, i sintomi negativi della patologia iniziano a manifestarsi con meno intensità dopo un'ora, l'effetto massimo si osserva dopo cinque ore. La pressione oculare è ridotta del 60% grazie al medicinale.

Dopo aver assunto il farmaco, inizia ad essere assorbito nel tratto digestivo, dopo tre ore si osserva la sua massima concentrazione nel corpo. Il principio attivo è uniformemente distribuito in tutto il corpo, entra nei reni, negli organi visivi, nel cervello, nei muscoli, ecc. invariato, viene escreto insieme alle urine durante il giorno.

Interazione

Il farmaco aumenta la concentrazione plasmatica di ciclosporina, che è accompagnata da effetti tossici sui reni.

Con la somministrazione combinata del farmaco e della primidina, la concentrazione plasmatica di quest'ultima diminuisce, il suo effetto anticonvulsivante è indebolito.

Il cloruro di ammonio indebolisce l'azione dell'acetazolamide, può causare acidosi.

La combinazione della sostanza con altri diuretici (teofillina) porta al potenziamento del loro effetto diuretico.

I farmaci anticolinesterasici aumentano le manifestazioni di debolezza muscolare nei pazienti con miastenia grave e che assumono questo farmaco.

Se assunto insieme a salicilati, preparati digitali, efedrina, carbamazepina, rilassanti muscolari non depolarizzanti, aumenta la probabilità di intossicazione.

La combinazione della sostanza con preparati al litio può portare ad un aumento del contenuto di litio nelle urine. Può anche svilupparsi intossicazione acuta.

Il medicinale aumenta l'efficacia dell'insulina e di altri medicinali ipoglicemizzanti orali.

L'assunzione combinata di una sostanza con fenobarbital o fenitoina provoca grave osteomalacia.

"Acetazolamide": istruzioni per l'uso

Il medicinale deve essere usato solo come indicato da un medico. Se la pillola è stata dimenticata, il dosaggio non viene aumentato alla dose successiva, il trattamento viene continuato secondo il programma stabilito dal medico.

Con l'edema, di solito viene prescritta una compressa due volte al giorno per cinque giorni, quindi è necessario fare una pausa per due settimane, quindi ripetere il corso.

Per le crisi epilettiche, vengono prescritte due pillole contemporaneamente, quindi una ogni sei ore. Dopo due giorni, il numero di pillole è ridotto, vengono prese due volte al giorno. I bambini di tre anni possono assumere il farmaco alla dose di otto milligrammi per chilogrammo di peso corporeo al giorno, dividendolo in quattro dosi.

Con il glaucoma in una qualsiasi delle sue forme, viene prescritta mezza o una compressa tre volte al giorno per cinque giorni. Inoltre, il medico può prescrivere colliri con acetazolamide, dove è presente anche idrossipropil-beta-ciclodestrina.

Secondo le statistiche, in alcuni pazienti, l'effetto appare dopo aver usato il farmaco per un giorno alla dose di una pillola e una volta al giorno. Nell'infanzia, il dosaggio giornaliero è calcolato nella quantità di quindici milligrammi per chilogrammo di peso. È necessario assumere il farmaco quattro volte al giorno. Dopo cinque giorni, è necessario fare una pausa per due giorni, quindi continuare la terapia..

Prima delle operazioni sugli organi visivi, questo medicinale viene spesso prescritto nella quantità di due compresse il giorno prima e immediatamente prima dell'intervento chirurgico..

Per il mal di montagna, usa da due a quattro pillole al giorno. Se una persona prevede di entrare rapidamente in vetta, è consentito assumere quattro compresse contemporaneamente il giorno prima della salita. Se la sintomatologia della patologia non è scomparsa, la terapia viene continuata per altri due giorni, se necessario..

Per la pressione intracranica, viene somministrata una pillola al giorno o mezza compressa ogni otto ore. In questo caso, non è consigliabile assumere più di tre compresse al giorno..

In quali casi il medicinale non può essere usato?

"Acetazolamide" ha restrizioni sul suo uso:

  1. Alta suscettibilità ai componenti del farmaco;
  2. Insufficienza renale ed epatica;
  3. Disturbo metabolico;
  4. Carenza di potassio;
  5. Diabete;
  6. I primi tre mesi di gravidanza;
  7. uremia;
  8. Cirrosi;
  9. Bambini sotto i tre anni;
  10. Periodo di allattamento al seno;
  11. Sindrome di Addison;
  12. Malattia dell'urolitiasi.

Con estrema cautela, viene prescritto un medicinale per le persone che hanno gonfiore dei reni e del fegato, embolia o enfisema polmonare, donne in piena gravidanza e nelle sue ultime fasi.

Con una maggiore sensibilità, le persone sperimentano spesso complicazioni potenzialmente letali: le sindromi di Lyell, Stevens-Johnson, nonché l'anemia e la diatesi emorragica. Se compaiono sintomi negativi, il farmaco non viene più assunto.

Se il dosaggio viene superato, si sviluppa sonnolenza, compaiono parestesie. Con una terapia prolungata, può svilupparsi acidosi metabolica.

"Acetazolamide" può causare lo sviluppo di reazioni avverse, quindi non può essere utilizzato durante la guida di un'auto o altri meccanismi.

È vietato utilizzare contemporaneamente farmaci contenenti acido acetilsalicilico. Ciò può portare allo sviluppo di sonno letargico, coma e morte..

L'uso simultaneo di farmaci antiepilettici può aumentare la manifestazione dell'osteomalacia. I glucorticosteroidi aumentano la probabilità di sviluppare ipopotassiemia. Rilassanti muscolari ed "Efedrina", "Carbamazepina" insieme ad acetazolamide aumentano la loro tossicità.

L'effetto diuretico del farmaco è potenziato dall'uso simultaneo di "Aminofillina". I beta-bloccanti possono aumentare l'efficacia di "acetazolamide" nel caso della terapia a pressione intraoculare.

Controindicazioni

L'acetazolamide non è raccomandato per l'uso:

  • se è allergico a una sostanza o ad altri sulfamidici;
  • pazienti con iponatremia e ipopotassiemia;
  • con insufficiente funzione surrenalica;
  • persone con problemi ai reni o al fegato;
  • con cirrosi epatica o urolitiasi;
  • pazienti con acidosi ipercloremica;
  • a lungo con glaucoma cronico scompensato ad angolo chiuso;
  • donne che allattano;
  • con uremia e diabete mellito.

Complicanze e conseguenze

Se le istruzioni per "Acetazolamide" non vengono seguite, possono svilupparsi reazioni collaterali:

  • Problemi di udito e visione;
  • Vertigini;
  • Disorientamento;
  • Encefalopatia epatica;
  • Sindrome convulsiva;
  • Diarrea;
  • Nausea accompagnata da vomito;
  • Necrosi epatica;
  • Un disturbo urinario;
  • Leucopenia e trombocitopenia;
  • Anemia;
  • Diatesi emorragica;
  • Reazioni allergiche, shock anafilattico;
  • Carenza di potassio;
  • Disturbi metabolici;
  • Violazione dell'equilibrio acido-base;
  • Tono muscolare compromesso.

Di solito, tali fenomeni si osservano quando il paziente ha un'intolleranza individuale ai componenti del farmaco, quando vengono superate le dosi consentite e con un lungo ciclo di terapia. Pertanto, è importante sottoporsi a cure mediche..

Se una persona osserva la comparsa di cambiamenti nella pelle, è necessario interrompere l'assunzione del farmaco e consultare un medico.

Effetti collaterali

Dal sistema nervoso e dagli organi sensoriali: sonnolenza, problemi di udito / acufeni, disturbi del gusto, miopia, disorientamento, parestesia, convulsioni. Dal tratto digestivo: perdita di appetito, nausea, vomito, diarrea, melena, insufficienza epatica. Dal lato del metabolismo: acidosi metabolica e squilibrio elettrolitico (con uso prolungato). Altri: orticaria, ipersensibilità alla luce, poliuria, ematuria, glucosuria. Interazione: l'effetto diuretico è potenziato dalla teofillina, indebolita dai diuretici che formano l'acido.

Costo e acquisto del farmaco

Questo rimedio è potente, può causare complicazioni se usato in modo errato, quindi è dispensato in farmacia solo su prescrizione medica. Ad esempio, il medico può scrivere la seguente ricetta per "acetazolamide" in latino:

Rp. (Ricetta): Acetazolamidi 250 mg D.t.d. n. 16 (Da tales dosi numero 10) in Tab. (in Tabulettis) S. (Signa) Orale 1 compressa 4 volte al giorno.

Puoi comprare la medicina in una farmacia statale. "Acetazolamide" ha un prezzo di circa duecentocinquanta rubli per confezione.

Analoghi

Esistono molti analoghi di "acetazolamide" sul mercato dei farmaci. I più popolari sono:

  1. "Azopt" - collirio in una bottiglia da cinque millilitri. Il farmaco contiene brinzolamide. Il farmaco è un antiglaucoma e un agente miotico. Il suo prezzo è di trecentosettantacinque rubli;
  2. "Brizal" - gocce oftalmiche, agiscono come bloccanti dell'anidrasi carbonica, aiutano a ridurre la pressione oculare. Il farmaco ha un prezzo di circa quattrocento rubli;
  3. "Optilamide" - sospensione, collirio. Un farmaco è prescritto per il trattamento del glaucoma acuto, ipertensione oculare. La medicina può essere acquistata per quattrocentosettanta rubli;
  4. "Diakarb" - ha una composizione e un'azione farmacologica simili. Il costo della medicina è di duecentosessanta rubli;
  5. Rosalin contiene dorzolamide. In oftalmologia viene utilizzato un farmaco per il trattamento del glaucoma e della pressione intraoculare.

Recensioni

Gli oftalmologi spesso prescrivono questo rimedio ai loro pazienti. Le recensioni su di lui sono diverse. I medici affermano che il farmaco è in grado di far fronte alla riduzione della pressione intraoculare. Ma, come qualsiasi diuretico, "acetazolamide" può provocare ipopotassiemia. Questo deve essere preso in considerazione quando si utilizza il farmaco. Pertanto, i medici di solito prescrivono preparati di potassio insieme al farmaco..

Molte persone notano che il farmaco provoca spesso reazioni collaterali, che tuttavia non sono pericolose per la vita: intorpidimento delle punte delle dita, cambiamento nel gusto.

Secondo numerose risposte, è diventato chiaro che "acetazolamide" è un vecchio farmaco provato con alta efficienza e basso costo. Molti pazienti lo prendono insieme ad Asparkam. Alcuni utenti assumono farmaci a lungo termine con lunghe pause tra di loro..

Altri pazienti notano lo sviluppo di sintomi spiacevoli dopo aver usato il farmaco. Soprattutto spesso compaiono mal di testa, disturbi del sonno, nausea e vertigini. Altri, al contrario, notano che dopo averlo preso, mal di testa e vertigini scompaiono dopo due ore. Si può concludere che tutto dipende dalle caratteristiche individuali dell'organismo di ogni persona. In ogni caso, si raccomanda di seguire rigorosamente la prescrizione del medico senza aumentare il dosaggio e la durata della terapia da soli..

Il farmaco "Acetazolamide" è stato usato in oftalmologia per molto tempo. È riuscito a dimostrare la sua efficacia in pratica. Molti medici ne parlano positivamente e consigliano ai pazienti di usarlo per il trattamento della pressione intraoculare e del glaucoma..

Prima di utilizzare il farmaco, è necessario leggere attentamente l'annotazione per evitare lo sviluppo di complicazioni in futuro..

Acetazolamide: descrizione, istruzioni, prezzo

Diuretico debole. Inibisce l'anidrasi carbonica nel tubulo contorto prossimale del nefrone, aumenta l'escrezione urinaria di Na +, K +, bicarbonato, non influenza l'escrezione di Cl-, alcalinizza l'urina. Viola la CBS (acidosi metabolica). L'inibizione dell'anidrasi carbonica del corpo ciliare porta a una diminuzione della secrezione di umor acqueo e ad una diminuzione della pressione intraoculare. La capacità di sopprimere l'attività dell'anidrasi carbonica nel cervello determina la presenza di una certa attività antiepilettica nel farmaco. Riduce la formazione di liquido cerebrospinale e riduce la pressione intracranica. Durata dell'azione - fino a 12 ore.
farmacocinetica

Assorbimento - alto, Cmax nel sangue - 2 ore dopo l'assunzione di una dose di 500 mg. Penetra nella barriera placentare. La connessione con le proteine ​​plasmatiche è elevata. Escreto dai reni invariato.
Indicazioni per l'uso

Sindrome da edema (gravità da lieve a moderata, in combinazione con alcalosi). Ipertensione cranica; glaucoma (primario e secondario, convulsioni acute), epilessia (convulsioni epilettiche minori nei bambini, assenze rare), mal di montagna, malattia di Meniere, tetania, sindrome premestruale, gotta.
Controindicazioni

Ipersensibilità, insufficienza renale acuta, insufficienza epatica, ipopotassiemia, acidosi, ipocorticismo, morbo di Addison, uremia, diabete mellito, gravidanza (I trimestre).
Accuratamente

Edema di origine epatica e renale.
Regime di dosaggio

Dentro. Con sindrome edematosa - 250 mg 1-2 volte al giorno in cicli di 5 giorni, seguiti da una pausa di due giorni. Con epilessia - 250-500 mg / giorno in una dose per 3 giorni, una pausa il giorno 4. Per un attacco di glaucoma, la dose iniziale è di 250-500 mg; quindi ogni 6 ore 250 mg, dopo 1-2 giorni riducono gradualmente la frequenza dell'appuntamento, prima a 3, quindi a 2 volte al giorno. Bambini 4-12 mesi - 50 mg / giorno in 1-2 dosi; 3-5 anni - 50-125 mg / giorno in 1-2 dosi; 4-18 anni - 125-250 mg una volta al mattino. Nel glaucoma cronico - 125-250 mg 1-3 volte a giorni alterni per 5 giorni.
Effetto collaterale

Ipopotassiemia, miastenia grave, convulsioni, arrossamento della pelle, parestesia, acufene, perdita di appetito, acidosi metabolica, prurito.

Con uso prolungato - nefrourolitiasi, ematuria, glucosuria, anemia emolitica, leucopenia, agranulocitosi, disorientamento, tatto alterato, sonnolenza, nausea, vomito, diarrea, reazioni allergiche, parestesie.
Interazione

Rafforza le manifestazioni dell'osteomalacia causate dall'assunzione di farmaci antiepilettici.

Dr. i diuretici e la teofillina aumentano la gravità dell'azione diuretica dell'acetazolamide, i diuretici che formano l'acido si indeboliscono.

GCS aumenta il rischio di ipopotassiemia.

Aumenta la tossicità di salicilati, farmaci digitali, carbamazepina, efedrina e rilassanti muscolari non polarizzanti.
istruzioni speciali

Se somministrato per più di 5 giorni, esiste un alto rischio di sviluppare acidosi metabolica.

Con l'uso prolungato, il bilancio idrico-elettrolitico, il quadro ematico periferico, la CBS devono essere monitorati.

Acetazolamide

Sostanza attiva

Gruppo farmacologico

Ricetta

Internazionale:

Rp.: Acetazolamidi 125 mg
D.t.d. n. 10 in tab.
S. secondo lo schema.

Rp.: Acetazolamidi 250 mg
D.t.d. n. 10 in etichetta.
S. secondo lo schema.

Russia:

Modulo di prescrizione - 107-1 / a

effetto farmacologico

Un diuretico con un lieve effetto diuretico.
Inibisce l'enzima anidrasi carbonica nel tubulo contorto prossimale del nefrone. Aumenta l'escrezione urinaria di ioni sodio, potassio, bicarbonato, non influenza l'escrezione di ioni cloro; provoca un aumento del pH delle urine. Con un uso prolungato e / o frequente, può causare acidosi metabolica. Riduce la pressione intraoculare. Riduce la produzione di liquido cerebrospinale. Dopo somministrazione orale, l'acetazolamide è ben assorbito dal tratto gastrointestinale. Dopo aver assunto una dose di 500 mg, la Cmax del principio attivo è di 12-27 μg / ml e viene raggiunta dopo 1-3 ore La concentrazione determinata di acetazolamide nel plasma viene mantenuta per 24 ore dopo la somministrazione. È distribuito principalmente in eritrociti, reni, muscoli, tessuti del bulbo oculare e del sistema nervoso centrale. Si lega alle proteine ​​plasmatiche in misura elevata. Penetra nella barriera placentare.
L'acetazolamide non è biotrasformata nel corpo. Viene escreto invariato dai reni. Circa il 90% della dose viene escreto nelle urine entro 24 ore.

Modalità di applicazione

Per adulti:

Con sindrome edematosa - 250 mg 1-2 volte / giorno in cicli di 2-4 giorni, con pause di diversi giorni.
Con epilessia - 250 mg 3-4 volte / giorno.
In caso di attacco di glaucoma - una dose iniziale di 250-500 mg; quindi ogni 6 ore, 250 mg. Quindi la dose viene gradualmente ridotta. Nei bambini, la dose viene regolata in base all'età.

indicazioni

- sindrome edematosa, specialmente in combinazione con alcalosi, con insufficienza cardiaca e cardiopolmonare cronica (come parte della terapia complessa);
- aumento della pressione intracranica;
- glaucoma primario e secondario, attacco acuto di glaucoma;
- convulsioni epilettiche minori.

Controindicazioni

- insufficienza renale acuta
- grave disfunzione epatica
- ipokaliemia
- acidosi metabolica
- hypocorticism
- diabete
- I trimestre di gravidanza.

Effetti collaterali

- Forse: ipopotassiemia, debolezza muscolare, convulsioni, arrossamento della pelle, mancanza di appetito, acidosi metabolica, prurito.
Con la somministrazione a lungo termine, sono stati descritti casi di nefrolitiasi, ematuria transitoria e glucosuria, anemia emolitica, leucopenia, agranulocitosi, parestesie, disorientamento..

Modulo per il rilascio

Compresse bianche o quasi bianche, rotonde, piatte cilindriche, con un punteggio e uno smusso.

1 etichetta = acetazolamide 250 mg.
Eccipienti: cellulosa microcristallina - 120 mg, povidone K25 - 18 mg, croscarmellosa sodica - 8 mg, magnesio stearato - 2 mg, biossido di silicio colloidale - 2 mg.

10 pezzi. - confezione cellulare sagomata (1) - confezioni di cartone.
10 pezzi. - pacchi di celle di contorno (2) - pacchi di cartone.
10 pezzi. - pacchi di celle di contorno (3) - pacchi di cartone.
10 pezzi. - confezione per celle di contorno (4) - confezioni di cartone.
10 pezzi. - confezione cellulare sagomata (5) - confezioni di cartone.
10 pezzi. - pacchi di celle di contorno (10) - pacchi di cartone.
12 pezzi - confezione cellulare sagomata (1) - confezioni di cartone.
12 pezzi - pacchi di celle di contorno (2) - pacchi di cartone.
12 pezzi - pacchi di celle di contorno (3) - pacchi di cartone.
12 pezzi - confezione per celle di contorno (4) - confezioni di cartone.
12 pezzi - confezione cellulare sagomata (5) - confezioni di cartone.
12 pezzi - pacchi di celle di contorno (10) - pacchi di cartone.
24 pezzi - confezione cellulare sagomata (1) - confezioni di cartone.
24 pezzi - pacchi di celle di contorno (2) - pacchi di cartone.
24 pezzi - pacchi di celle di contorno (3) - pacchi di cartone.
24 pezzi - confezione per celle di contorno (4) - confezioni di cartone.
24 pezzi - confezione cellulare sagomata (5) - confezioni di cartone.
24 pezzi - pacchi di celle di contorno (10) - pacchi di cartone.
30 pezzi - confezione cellulare sagomata (1) - confezioni di cartone.
30 pezzi - pacchi di celle di contorno (2) - pacchi di cartone.
30 pezzi - pacchi di celle di contorno (3) - pacchi di cartone.
30 pezzi - confezione per celle di contorno (4) - confezioni di cartone.
30 pezzi - confezione cellulare sagomata (5) - confezioni di cartone.
30 pezzi - pacchi di celle di contorno (10) - pacchi di cartone.
10 pezzi. - lattine (1) - confezioni di cartone.
12 pezzi - lattine (1) - confezioni di cartone.
20 pezzi - lattine (1) - confezioni di cartone.
24 pezzi - lattine (1) - confezioni di cartone.
30 pezzi - lattine (1) - confezioni di cartone.
40 pezzi - lattine (1) - confezioni di cartone.
50 pezzi - lattine (1) - confezioni di cartone.
100 pezzi. - lattine (1) - confezioni di cartone.

E 'Importante Conoscere Il Glaucoma