Mezaton soluzione iniettabile

ISTRUZIONI
sull'uso medico del farmaco

Numero di registrazione

Denominazione commerciale del farmaco: Mezaton

Nome internazionale non proprietario:

Forma di dosaggio:

Composizione:

Descrizione: liquido limpido, incolore.

Gruppo farmacoterapeutico:

Codice ATX С01СА06

Proprietà farmacologiche
farmacodinamica
Alfa 1-adrenostimolante sintetico, scarso effetto sui beta-bloccanti del cuore; non è una catecolamina (contiene solo un gruppo ossidrilico nel nucleo aromatico). Provoca il restringimento delle arteriole e un aumento della pressione arteriosa (BP) con possibile bradicardia riflessa. Rispetto alla noradrenalina e alla epinefrina, l'aumento della pressione sanguigna è meno drammatico, ma dura più a lungo (è meno suscettibile all'azione della catecol-O-metiltransferasi) e non provoca un aumento del volume del sangue minuto. L'azione inizia immediatamente dopo la somministrazione e dura 20 minuti (dopo somministrazione endovenosa), 50 minuti (con somministrazione sottocutanea), 1-2 ore (dopo iniezione intramuscolare).

farmacocinetica.
È metabolizzato nel fegato e nel tratto gastrointestinale (senza la partecipazione di catecol-O-metiltransferasi). Escreto dai reni come metaboliti.

Indicazioni per l'uso
Collasso, ipotensione arteriosa (associata a una diminuzione del tono vascolare), in preparazione all'intervento chirurgico e durante le operazioni, rinite vasomotoria e da fieno, intossicazione, come vasocostrittore nell'anestesia locale

Controindicazioni
Ipersensibilità al farmaco, cardiomiopatia ipertrofica ostruttiva (inclusa ipertrofia settale asimmetrica), feocromocitoma, tachiaritmia, fibrillazione atriale e / o ventricolare, acidosi metabolica, ipercapnia, ipossia, ipertensione arteriosa, ipotensione, ipertensione circolatoria, circolazione polmonare orifizi aortici, infarto miocardico acuto, porfiria. deficit congenito di glucosio-6-fosfato deidrogenasi, tendenza al vasospasmo, gravidanza, periodo di lattazione, età fino a 18 anni (efficacia e sicurezza non sono state stabilite).

Con cura: angina di Prinzmetal, una storia di malattia vascolare occlusiva, tra cui tromboembolia arteriosa, aterosclerosi, tromboangiite obliterante (malattia di Buerger), congelamento, endarterite diabetica, malattia di Raynaud, tireotossicosi, vecchiaia, diabete mellito, con anestesia generale compromissione della funzionalità renale.

Metodo di somministrazione e dosaggio
Mezaton viene somministrato per via endovenosa, sottocutanea, intramuscolare, intranasale. In caso di collasso, il farmaco viene di norma somministrato per via endovenosa in dosi di 0,1-0,3-0,5 ml di una soluzione all'1%, diluito con 20 ml di soluzioni di destrosio al 5% - 20% (glucosio) o soluzione di cloruro di sodio allo 0,9%. L'introduzione viene eseguita lentamente, se necessario, l'introduzione viene ripetuta. Con il metodo a goccia, 1 ml di soluzione di Mezaton all'1% viene iniettato in 250-500 ml di soluzione di destrosio al 5% (glucosio). Per via sottocutanea e intramuscolare, gli adulti vengono somministrati in dosi di 0,3-1 ml di una soluzione all'1%.

Al fine di restringere i vasi delle mucose della cavità nasale e ridurre la gravità dell'infiammazione, vengono instillate soluzioni allo 0,25-0,5% o le membrane mucose vengono lubrificate con queste soluzioni. Agli anestetici locali (per 10 ml di soluzione anestetica) aggiungere 0,3-0,5 ml di soluzione Mezaton all'1%.

Dosi più elevate per gli adulti: endovenosa - singola 0,005 g, giornaliera - 0,025 g; per via sottocutanea e intramuscolare - singolo 0,01 g, quotidiano - 0,05 g.

Effetto collaterale
Dal sistema cardiovascolare: aumento della pressione sanguigna, palpitazioni, fibrillazione ventricolare, aritmia, bradicardia, cardialgia.

Dal tratto gastrointestinale: sintomi dispeptici;

Dal lato del sistema nervoso centrale: vertigini, paura, insonnia, ansia, debolezza, mal di testa, tremori, parestesia, convulsioni, emorragia cerebrale;

Altri: pallore della pelle del viso, ischemia della pelle nel sito di iniezione, in rari casi la necrosi e la formazione di una crosta sono possibili quando entra nei tessuti o con iniezioni sottocutanee, reazioni allergiche.

Overdose
Sintomi: battiti prematuri ventricolari, brevi parossismi di tachicardia ventricolare, sensazione di pesantezza alla testa e agli arti, un significativo aumento della pressione sanguigna.

Trattamento: somministrazione endovenosa di alfa-bloccanti (fentolamina) e beta-bloccanti (per aritmie cardiache).

Interazione con altri medicinali
Le fenotiazine, gli alfa-bloccanti (fentolamina), la furosemide e altri diuretici riducono l'effetto ipertensivo.

Inibitori della monoamino-ossidasi, ossitocina, alcaloidi dell'ergot, antidepressivi triciclici, furazolidina, procarbazina, selegilina, adrenostimulanti aumentano l'effetto pressore e questi ultimi e l'aritmogenicità.

I beta-bloccanti riducono l'attività di stimolazione cardiaca, l'ipertensione arteriosa è possibile sullo sfondo della reserpina (a causa dell'esaurimento delle catecolamine nelle terminazioni adrenergiche, aumenta la sensibilità agli agonisti adrenergici).

istruzioni speciali
Durante il periodo di trattamento, devono essere monitorati gli indicatori di ECG, pressione sanguigna, volume del sangue minuto, circolazione sanguigna alle estremità e nel sito di iniezione.

Prima o durante la terapia, è necessaria la correzione di ipovolemia, ipossia, acidosi, ipercapnia.

Un forte aumento della pressione arteriosa, grave bradicardia o tachicardia, aritmie cardiache persistenti richiedono l'interruzione del trattamento. Per prevenire una ripetuta riduzione della pressione sanguigna dopo l'interruzione del farmaco, la dose deve essere ridotta gradualmente, soprattutto dopo un'infusione prolungata. L'infusione viene ripresa se la pressione sistolica scende a 70-80 mm Hg. st.

Durante la terapia, non si dovrebbero impegnarsi in attività pericolose che richiedono la velocità delle reazioni motorie e mentali (inclusa la guida di un'auto).

Modulo per il rilascio
Soluzione iniettabile 10 mg / ml.

1 ml in fiale, annidato 10 pezzi insieme con le istruzioni per l'uso e lo scarificatore di fiale in una scatola di cartone.

Condizioni di archiviazione
Elenco B. In un luogo protetto dalla luce e fuori dalla portata dei bambini, a una temperatura non superiore a 25 ° С.

Data di scadenza
3 anni.

Non utilizzare il farmaco dopo la data di scadenza indicata sulla confezione!

Condizioni di erogazione dalle farmacie
Su prescrizione medica.

Azienda manifatturiera
LLC Experimental Plant GNTSLS. Indirizzo: Ucraina, 61057, Kharkov, st. Vorobyov, 8

Mezaton

Istruzioni per l'uso:

Prezzi nelle farmacie online:

Mezaton è un farmaco con azione vasocostrittore e alfa-adrenergica.

Forma e composizione del rilascio

Mezaton è disponibile sotto forma di soluzione iniettabile: trasparente, incolore (1 ml in fiale, in un cartone da 10 fiale, completo di disco da taglio in ceramica o scarificatore di fiale).

Ingrediente attivo: fenilefrina cloridrato, in 1 ml - 10 mg.

Componenti ausiliari: acqua per iniezione e glicerina.

Indicazioni per l'uso

  • Insufficienza vascolare (anche a causa di un sovradosaggio di vasodilatatori);
  • Ipotensione arteriosa;
  • Rinite allergica e vasomotoria;
  • Condizioni di shock, compresi shock tossici e traumatici.

Inoltre, Mezaton è usato per l'anestesia locale come vasocostrittore..

Controindicazioni

  • Cardiomiopatia ipertrofica ostruttiva;
  • Fibrillazione ventricolare;
  • Feocromocitoma;
  • Ipersensibilità al farmaco.

Relativo (prestare particolare attenzione a causa del rischio di complicanze):

  • Ipertensione arteriosa, ipertensione nella circolazione polmonare, fibrillazione atriale, aritmia ventricolare, infarto miocardico acuto, grave stenosi aortica, glaucoma ad angolo chiuso, ipossia, ipovolemia, ipercapnia, tachiaritmia, acidosi metabolica;
  • Malattia vascolare occlusiva (inclusa la storia): malattia di Buerger (tromboangiite obliterante), aterosclerosi, malattia di Raynaud, tromboembolia arteriosa, tendenza vascolare allo spasmo (incluso congelamento), porfiria, diabete mellito, deficit di glucosio-6 fosfato deidrogenasi, tireotossicosi, endarterite diabetica;
  • Uso concomitante di inibitori delle monoaminossidasi (MAO);
  • Disturbi funzionali dei reni;
  • Anestesia generale al fluorotano;
  • Età inferiore ai 18 anni;
  • Età anziana.

Per le donne in gravidanza e in allattamento, Mezaton può essere prescritto solo su indicazioni rigorose, dopo aver valutato l'equilibrio tra benefici e possibili rischi.

Metodo di somministrazione e dosaggio

La soluzione di Mezaton viene somministrata per via endovenosa (getto o flebo), intramuscolare o sottocutanea.

In caso di collasso, viene iniettato per via endovenosa lentamente in un flusso in una dose di 0,1-0,3-0,5 ml, dopo aver diluito 20 ml di soluzione di cloruro di sodio allo 0,9% o soluzione di destrosio al 5%. Dare un'altra dose se necessario.

Il farmaco viene iniettato per via endovenosa in una dose di 1 ml, dopo aver diluito 250-500 ml di soluzione di destrosio al 5%.

Per via intramuscolare o sottocutanea, Mezaton è prescritto per gli adulti alla dose di 0,3-1 ml 2-3 volte al giorno, per i bambini di età superiore ai 15 anni con ipotensione arteriosa durante l'anestesia spinale - alla dose di 0,5-1 mg per chilogrammo di peso corporeo.

Per ridurre l'infiammazione e la vasocostrizione delle mucose, il farmaco (a una concentrazione di 0,125, 0,25, 0,5, 1%) viene utilizzato per la lubrificazione o l'instillazione.

Quando si esegue l'anestesia locale, si aggiungono 0,3-0,5 ml di soluzione Mezaton all'1% per ogni 10 ml di soluzione anestetica.

Dosi massime consentite per gli adulti:

  • Endovenoso: singolo - 5 mg, ogni giorno - 25 mg;
  • Per via intramuscolare e sottocutanea: singolo - 10 mg, ogni giorno - 50 mg.

Effetti collaterali

  • Sistema cardiovascolare: aumento della pressione sanguigna, palpitazioni cardiache, aritmie, fibrillazione ventricolare, cardialgia, bradicardia;
  • Sistema nervoso centrale: insonnia, paura, ansia, vertigini, debolezza, parestesia, tremori, convulsioni, mal di testa, emorragia cerebrale;
  • Altri: ischemia della pelle nel sito di iniezione, pallore della pelle del viso; in casi isolati - reazioni allergiche, formazione di una crosta e necrosi (con iniezioni sottocutanee e se la soluzione entra nei tessuti).

istruzioni speciali

Durante il trattamento, è necessario monitorare gli indicatori dell'elettrocardiogramma, la pressione sanguigna, la circolazione sanguigna nel sito di iniezione e delle estremità, il volume del sangue minuto.

È necessario correggere l'ipossia, l'ipovolemia, l'ipercapnia e l'acidosi prima o durante il trattamento delle condizioni di shock..

In caso di collasso del farmaco in pazienti con ipertensione arteriosa, è sufficiente mantenere la pressione arteriosa sistolica ad un livello inferiore al solito di 30-40 mm Hg..

Disturbi del ritmo cardiaco persistenti, tachicardia grave o bradicardia, un forte aumento della pressione sanguigna richiedono la cancellazione di Mezaton.

Per prevenire una ripetuta riduzione della pressione sanguigna dopo l'interruzione del farmaco, si raccomanda di ridurre gradualmente la dose, soprattutto dopo un'infusione prolungata. Tuttavia, se la pressione sistolica scende a 70-80 mmHg, si riprende l'infusione..

Va tenuto presente che i vasocostrittori usati in aggiunta agli anestetici locali contemporaneamente ai farmaci che stimolano il travaglio (ergotamina, vasopressina, metilergometrina, ergometrina) o destinati a correggere l'ipotensione arteriosa durante il parto, possono portare a un aumento persistente della pressione sanguigna nel periodo postpartum.

Con l'età, il numero di recettori adrenergici sensibili alla fenilefrina diminuisce. Gli inibitori delle MAO, aumentando l'effetto pressore dei simpaticomimetici, possono contribuire alla comparsa di vomito, allo sviluppo di aritmie, mal di testa e crisi ipertensive. Per questo motivo, i pazienti che hanno assunto inibitori delle MAO nelle 2-3 settimane precedenti devono ridurre la dose di simpaticomimetici..

Durante il periodo di trattamento con Mesaton, è necessario astenersi dall'impegnarsi in attività che richiedono la velocità delle reazioni mentali e motorie, inclusa la guida.

Interazioni farmacologiche

Possibili reazioni di interazione nel caso dell'uso simultaneo di Mezaton e altri farmaci:

  • Farmaci antiipertensivi, diuretici: riduzione del loro effetto ipotensivo;
  • Inibitori delle monoaminossidasi (procarbazina, furazolidone, selegilina), antidepressivi triciclici, alcaloidi ergot, adrenostimulanti, metilfenidato, ossitocina: aumento dell'azione pressoria e aritmogenicità della fenilefrina;
  • Anestetici per inalazione (alotano, enflurano, metossiflurano, isoflurano, cloroformio): aumento del rischio di aritmie ventricolari e atriali gravi;
  • Nitrati: una diminuzione del loro effetto antianginale, una diminuzione dell'effetto pressore della fenilefrina, il rischio di ipotensione arteriosa;
  • Ormoni tiroidei: sinergismo dei farmaci e aumento del rischio associato di sviluppare insufficienza coronarica, specialmente in pazienti con aterosclerosi coronarica;
  • Alfa-bloccanti, fenotiazine: riduzione dell'effetto ipertensivo;
  • Metilergometrina, doxapram, ergotamina, ossitocina, ergometrina: aumento della gravità dell'azione vasocostrittore;
  • Beta-bloccanti: diminuzione dell'attività stimolante cardiaca; quando si utilizza la reserpina - il rischio di sviluppare ipertensione arteriosa.

Analoghi

Termini e condizioni di conservazione

Conservare a temperature fino a 25ºC. Non esporre alla luce. Tenere fuori dalla portata dei bambini.

Mezaton

Istruzioni per l'uso:

Prezzi nelle farmacie online:

Mezaton è un farmaco ad azione alfa adrenomimetica, vasocostrittore.

Forma e composizione del rilascio

Mezaton viene rilasciato sotto forma di soluzione iniettabile: un liquido limpido, incolore (in fiale da 1 ml, 10 fiale in una scatola di cartone).

La composizione di 1 ml di soluzione include:

  • Ingrediente attivo: fenilefrina - 10 mg (sotto forma di cloridrato);
  • Componenti ausiliari: glicerina, acqua per preparazioni iniettabili.

Indicazioni per l'uso

Parenteralmente, Mezaton è prescritto in presenza delle seguenti indicazioni:

  • Ipotensione arteriosa;
  • Insufficienza vascolare (incluso con un sovradosaggio di vasodilatatori);
  • Condizioni di shock (compresi tossici, traumatici);
  • Anestesia locale (come vasocostrittore).

Intranasalmente il farmaco viene utilizzato per la rinite allergica e vasomotoria.

Controindicazioni

  • Cardiomiopatia ipertrofica ostruttiva;
  • Fibrillazione ventricolare;
  • Feocromocitoma;
  • Ipersensibilità a componenti di medicina.

Mezaton deve essere usato con cautela nei pazienti anziani, nei pazienti di età inferiore ai 18 anni (l'efficacia e la sicurezza del farmaco in questa fascia di età dei pazienti non sono state stabilite), durante l'anestesia generale (fluorotanica), contemporaneamente agli inibitori della monoamino ossidasi, nonché nelle seguenti malattie / condizioni :

  • L'ipossia;
  • Acidosi metabolica;
  • Glaucoma ad angolo chiuso;
  • ipercapnia;
  • Fibrillazione atriale;
  • Ipertensione nella circolazione polmonare, ipertensione arteriosa;
  • ipovolemia;
  • Tachiaritmia, infarto miocardico acuto, aritmia ventricolare;
  • Grave stenosi aortica;
  • Malattia vascolare occlusiva (inclusa una storia) - Malattia di Raynaud, aterosclerosi, tromboembolia arteriosa, tromboangiite obliterante, tendenza dei vasi allo spasmo (anche dopo congelamento);
  • tireotossicosi;
  • Diabete,
  • Endarterite diabetica;
  • porfiria;
  • Disfunzione renale;
  • Carenza di glucosio-6-fosfato deidrogenasi.

Per le donne che allattano e in gravidanza, Mezaton può essere usato con cautela (sotto la supervisione di un medico e solo in base a indicazioni rigorose), valutando l'equilibrio tra benefici e rischi.

Metodo di somministrazione e dosaggio

Mezaton è usato per via endovenosa, intramuscolare, sottocutanea.

In caso di collasso, il farmaco viene iniettato per via endovenosa in un flusso lentamente in 0,1-0,3-0,5 ml di una soluzione all'1%, diluito in 20 ml di soluzione di cloruro di sodio allo 0,9% o soluzione di destrosio al 5%. Se necessario, l'introduzione può essere ripetuta.

Con flebo endovenoso, 1 ml di soluzione all'1% viene diluito in 250-500 ml di soluzione di destrosio al 5%.

Per l'iniezione sottocutanea o intramuscolare, viene utilizzato Mezaton: adulti - 2-3 volte al giorno, 0,3-1 ml di una soluzione all'1%; bambini dai 15 anni (durante l'anestesia spinale con ipotensione arteriosa) - 0,5-1 mg / kg.

Dosi più elevate per gli adulti:

  • Somministrazione endovenosa: singola - 5 mg, giornaliera - 25 mg;
  • Somministrazione intramuscolare e sottocutanea: singola - 10 mg, ogni giorno - 50 mg.

Quando si esegue l'anestesia locale, aggiungere 0,3-0,5 ml di soluzione Mezaton all'1% per 10 ml di soluzione anestetica.

Se è necessario restringere i vasi delle mucose e ridurre la gravità dei processi infiammatori, il farmaco viene utilizzato per instillazione o lubrificazione (possibili concentrazioni della soluzione - 0,125%, 0,25%, 0,5%, 1%).

Effetti collaterali

Durante la terapia, è possibile sviluppare disturbi da vari sistemi corporei:

  • Sistema nervoso centrale: vertigini, insonnia, convulsioni, paura, ansia, parestesia, debolezza, tremori, mal di testa, emorragia cerebrale;
  • Sistema cardiovascolare: palpitazioni, aumento della pressione sanguigna, fibrillazione ventricolare, bradicardia, aritmia, cardialgia;
  • Altri: ischemia della pelle nel sito di iniezione, pallore della pelle del viso; in casi isolati - necrosi e formazione di croste con iniezioni sottocutanee o quando entra nei tessuti, reazioni allergiche.

istruzioni speciali

Durante il periodo di terapia, è necessario monitorare gli indicatori dell'ECG, la pressione sanguigna, il volume del sangue minuto, la circolazione sanguigna nel sito di iniezione e nelle estremità.

Prima di iniziare o durante la terapia delle condizioni di shock, è indispensabile correggere l'ipossia, l'ipovolemia, l'acidosi e l'ipercapnia..

Nei pazienti con ipertensione arteriosa con collasso indotto da farmaci, è sufficiente mantenere la pressione arteriosa sistolica a un livello inferiore al solito di 30-40 mm Hg..

Con lo sviluppo di bradicardia grave, un forte aumento della pressione sanguigna, tachicardia e disturbi persistenti del ritmo cardiaco, il trattamento deve essere interrotto.

Per prevenire un abbassamento ripetuto della pressione sanguigna dopo l'interruzione di Mesaton, la dose deve essere ridotta gradualmente, soprattutto dopo un'infusione prolungata..

Se la pressione sistolica scende a 70-80 mmHg, è necessario riprendere l'infusione..

Va tenuto presente che l'uso di vasocostrittori durante il parto per correggere l'ipotensione arteriosa o come aggiunta ai farmaci anestetici locali sullo sfondo di farmaci che stimolano il travaglio (ergotamina, vasopressina, metilergometrina, ergometrina) nel periodo postpartum può portare a un persistente aumento della pressione sanguigna.

Con l'età, il numero di recettori adrenergici sensibili alla fenilefrina diminuisce. Gli inibitori delle monoaminossidasi possono causare vomito, mal di testa, crisi ipertensive e aritmie, pertanto, quando i pazienti assumono inibitori delle monoaminossidasi nelle 2-3 settimane precedenti, le dosi di simpaticomimetici devono essere ridotte.

Durante l'uso di Mezaton, non dovresti impegnarti in attività pericolose che richiedono reazioni mentali e motorie rapide (inclusa la guida).

Interazioni farmacologiche

Con l'uso simultaneo di Mezaton con alcuni farmaci, possono verificarsi effetti indesiderati:

  • Diuretici e farmaci antiipertensivi (mecamilamina, metildopa, guanadrel, guanetidina): riduzione del loro effetto antiipertensivo;
  • Ossitocina, inibitori delle monoaminossidasi (procarbazina, furazolidone, selegilina), antidepressivi triciclici, alcaloidi ergot, adrenostimulanti, metilfenidato: aumento dell'effetto pressore e aritmogenicità della fenilefrina;
  • Fenotiazine, alfa-bloccanti (fentolamina), furosemide e altri diuretici: riduzione dell'effetto ipertensivo;
  • Reserpina: sviluppo di ipertensione arteriosa;
  • Beta-bloccanti: diminuzione dell'attività stimolante cardiaca;
  • Ossitocina, ergometrina, metilergometrina, ergotamina, doxapram: un aumento della gravità dell'effetto vasocostrittore;
  • Nitrati: ridotto effetto antianginale; diminuzione dell'effetto pressore dei simpaticomimetici e del rischio di ipotensione arteriosa (a seconda del raggiungimento dell'effetto clinico richiesto, è possibile l'uso simultaneo);
  • Anestetici per inalazione (enflurano, cloroformio, isoflurano, alotano, metossiflurano): aumento del rischio di aritmie atriali e ventricolari gravi;
  • Ormoni tiroidei: reciproca amplificazione degli effetti e il rischio associato di sviluppare insufficienza coronarica (specialmente nell'aterosclerosi coronarica).

Termini e condizioni di conservazione

Conservare in un luogo buio, fuori dalla portata dei bambini, a temperature fino a 25 ° C.

Periodo di validità - 3 anni.

Trovato un errore nel testo? Selezionalo e premi Ctrl + Invio.

Mezaton

Impianto pilota GNCLS

Istruzioni per l'uso

Forma di rilascio, composizione e confezione

Mezaton è un farmaco (di seguito MP) con proprietà alfa-adrenomimetiche e vasocostrittore. Nome latino: mesaton. Il farmaco viene venduto in diverse forme. Anche il prezzo di Mezaton dipende da questo. È disponibile sotto forma di: 1. Soluzione iniettabile in fiale. Una fiala contiene 1 ml di farmaco. Sono confezionati in scatole di cartone da 10 pezzi. Il kit comprende uno scarificatore per fiale o un disco da taglio in ceramica. 2. Collirio. Il volume di una bottiglia è di 5 ml. Le istruzioni per l'uso di Mezaton indicano che la fenilefrina cloridrato agisce come ingrediente attivo (in gocce da 1 ml - 25 mg e soluzione - 10 mg). Nella nostra farmacia, puoi acquistare Mezaton in entrambe le forme. L'elenco degli eccipienti dipende dalla forma di dosaggio. La composizione dei colliri è inoltre composta da: acqua purificata, macrogol, decametossina, disodio edetato. Nel processo di produzione della soluzione, sono state utilizzate acqua per iniezione e glicerina.

effetto farmacologico

Mezaton si riferisce agli alfa adrenostimolanti. Penetrando nel corpo, il farmaco praticamente non influenza i recettori? -Adrenergici. Il suo nucleo aromatico contiene solo un gruppo idrossile. Sotto l'influenza del farmaco (PP), si verificano un aumento della pressione sanguigna e un restringimento delle arteriole. Dopo aver assunto il farmaco, i tassi di indentazione aumentano rapidamente e l'effetto terapeutico dura per un lungo periodo di tempo. Quando il farmaco viene iniettato nel muscolo, appare dopo 1,5-2 ore, dopo l'iniezione sottocutanea - 4-50 minuti, con la via di somministrazione endovenosa, l'effetto appare dopo 5-15 minuti. Quando si usano gocce Mezaton, si osserva una contrazione del dilatatore della pupilla, a seguito della quale inizia a dilatarsi entro 15-60 minuti. La sostanza viene metabolizzata negli organi del tratto gastrointestinale e nel fegato. Esci dal corpo con l'urina.

Indicazioni per l'uso

Il farmaco viene utilizzato per uso intranasale e parenterale nella diagnosi di: • rinite vasomotoria o allergica; • insufficienza vascolare; • ipotensione arteriosa; • shock tossico o traumatico. Gli oftalmologi usano questo rimedio per iridociclite, astenopia, diagnostica differenziale volta a determinare il tipo di iniezioni dei bulbi oculari. Inoltre, se necessario, vengono prescritte gocce per dilatare la pupilla prima dell'oftalmoscopia, con la manifestazione di sintomi di glaucoma ad angolo chiuso. Le indicazioni per l'uso nell'infanzia sono spasmi di alloggio.

Controindicazioni

L'uso del medicinale viene effettuato dopo una consulenza professionale. È severamente vietato prescrivere farmaci a pazienti con: 1. Maggiore suscettibilità ai componenti. 2. Fibrillazione ventricolare. 3. Feocromocitoma. 4. Ipertrofia, che si verifica sullo sfondo della cardiomiopotia. Nel campo dell'oftalmologia, gli esperti non usano gocce in presenza di glaucoma ad angolo chiuso, ipertiroidismo, diabete mellito, tireotossicosi, porfiria epatica, patologie del sistema cardiovascolare. La somministrazione a persone con: • la forma acuta di infarto del miocardio è consentita con la massima cura; • acidosi metabolica; • ipossia; • ipovolemia; • fibrillazione atriale; • disfunzione renale; • ipertensione arteriosa. Il trattamento di pazienti minori viene effettuato sotto la supervisione di uno specialista. In presenza di controindicazioni, i medici selezionano analoghi di Mezaton. Il prodotto originale e i suoi sostituti sono disponibili nella nostra farmacia online. Gli acquirenti possono utilizzare il servizio di spedizione.

Metodo di somministrazione e dosaggio

I colliri vengono instillati nel sacco congiuntivale, 1 goccia. La soluzione viene somministrata per via endovenosa, intramuscolare o sottocutanea. In uno stato di collasso, al paziente viene iniettato un metodo a getto da 0,1 a 0,5 ml del farmaco, che è stato precedentemente diluito con una soluzione di cloruro di sodio allo 0,9% (20 ml). Per l'iniezione a goccia, 1 ml di farmaco viene diluito con una soluzione di destrosio al 5% (da 250 a 500 ml). La dose per la somministrazione intramuscolare varia da 0,3 a 1 ml da due a tre volte al giorno. La quantità giornaliera massima consentita del farmaco è di 50 mg (i / m), 25 mg (i / v). Una singola dose con somministrazione endovenosa non deve superare i 5 mg e per via intramuscolare - 10 mg.

Effetti collaterali

Si osservano reazioni negative da sistemi o organi interni con uno schema erroneamente elaborato per l'uso del farmaco o l'intolleranza ai suoi componenti. Gli effetti collaterali più comuni includono: • aritmia; • bradicardia; • aumento eccessivo della pressione sanguigna; • mal di testa; • cardiopalmo; • violazione della struttura e della qualità del sonno; • debolezza; • miosi reattiva; • iperemia reattiva; • sensazione di bruciore agli occhi (quando si usano le gocce); • eruzioni allergiche accompagnate da prurito. Se una persona ha un'ipersensibilità ai componenti del farmaco, il medico prescrive un analogo efficace di Mezaton.

Overdose

In caso di sovradosaggio del farmaco, si sviluppa extrasistologia ventricolare, tachicardia ventricolare, aumento della pressione e il paziente avverte una sensazione di pesantezza nella testa, negli arti superiori e inferiori. Il trattamento sintomatico viene effettuato in una struttura medica. Include l'introduzione di farmaci dal gruppo di alfa e beta-bloccanti nella vena.

Interazioni farmacologiche

Gli specialisti prestano particolare attenzione alla capacità dei farmaci di interagire con altri farmaci. LP Reaction Inibitori MAO, adrenostimolanti e antidepressivi triciclici Aumenta l'aritmogenicità e l'effetto pressorio del componente attivo di Mezaton Diuretici Perdita attività antiipertensiva Ergotamina, Ergometrina, Doxapram Aumenta l'effetto vasocostrittivo della fenilefrina Inalazione di anestetici gastrici o prescrizione di anestetici gastrici o prescrizione di anestetici gastrici fama del medico.

istruzioni speciali

A Mosca, Mezaton può essere acquistato con una prescrizione del proprio medico. Durante l'implementazione del corso terapeutico, gli specialisti tengono sotto controllo gli indicatori di pressione sanguigna, ECG degli arti, flusso sanguigno / minuto. Il principale ingrediente attivo può influire negativamente sulla velocità delle reazioni psicomotorie, nonché sulla capacità di controllare vari meccanismi.

Condizioni e periodi di conservazione

Il farmaco viene conservato in un luogo buio, inaccessibile per i bambini piccoli. La temperatura ammissibile è + 25 ° С. La durata di conservazione del medicinale è di 36 mesi. La data di produzione è indicata sulla confezione. Puoi ordinare Mezaton nella nostra farmacia.

Mezaton (soluzione per inalazione 10 mg / ml 1 ml 10 amp.) Azienda farmaceutica sanitaria LLC Russia nelle farmacie nella città di Ekaterinburg

Farmacodinamica e farmacocinetica

Mezaton (INN Phenylephrine) è un noto α-adrenostimolante che ha scarso effetto sui recettori β-adrenergici situati nel cuore. Non è una catecolamina, poiché ha un solo gruppo ossidrilico nel suo nucleo aromatico, è in grado di restringere le arteriole e aumentare la pressione sanguigna, che può portare allo sviluppo della bradicardia riflessa. Rispetto alla noradrenalina o alla epinefrina, non aumenta la pressione sanguigna in modo così acuto e agisce per un periodo molto più lungo a causa del fatto che è meno esposta alla catecol-O-metiltransferasi. La terapia con mesaton non porta ad un aumento del volume ematico minuto. Il farmaco mostra un effetto vasocostrittore simile alla noradrenalina, tuttavia, meno pronunciato e più prolungato, mentre praticamente non ha un effetto cronotropico e inotropico sul cuore.

Dopo l'instillazione, il dilatatore della pupilla si contrae, causando la sua espansione, e la muscolatura liscia delle arteriole della congiuntiva. Non vi è alcun effetto sul muscolo ciliare, poiché la midriasi viene osservata senza cicloplegia.

L'effetto terapeutico si verifica immediatamente dopo l'iniezione endovenosa e si osserva nei successivi 5-20 minuti, con la via di somministrazione sottocutanea - 50 minuti, intramuscolare - 60-120 minuti.

Informazioni farmacocinetiche

La fenilefrina è in grado di penetrare facilmente nei tessuti dell'occhio, dilatando le pupille in 10-60 minuti. A causa di una significativa contrazione del dilatatore, le pupille 30-45 minuti dopo l'instillazione nell'umidità della camera anteriore dell'occhio possono rilevare particelle del pigmento fogliare dell'iride, che richiede la differenziazione di uveite o l'ingresso di cellule del sangue nell'umidità della camera anteriore.

Il metabolismo della fenilefrina si verifica nel fegato e nel tratto gastrointestinale (senza la partecipazione dell'enzima - catecol-O-metiltransferasi). L'escrezione di metaboliti è fornita dai reni.

Descrizione, composizione e forma di rilascio

Il produttore di Mezaton è "Impianto sperimentale" di Ukraine, LLC. Il principio attivo del farmaco è la fenilefrina. Oltre alla sostanza principale, ogni forma di farmaco contiene componenti ausiliari.

Il prodotto è disponibile sotto forma di gocce oculari e nasali, compresse e soluzione iniettabile. Nelle gocce oculari, 1 ml di prodotto rappresenta 25 mg della sostanza attiva sotto forma di cloridrato. Di seguito vengono utilizzati come componenti ausiliari:

  • edetato di disodio;
  • decamethoxin;
  • macrogol;
  • acqua purificata.

Soluzione iniettabile in 1 ml contiene 10 mg di cloridrato e, come sostanze aggiuntive, acqua per preparazioni iniettabili e glicerina.

Le gocce per gli occhi sono prodotte in flaconi contagocce in plastica da 5 ml. La soluzione iniettabile viene venduta in fiale da 1 ml, confezionate in scatole di cartone, ognuna delle quali contiene 10 fiale. Ogni confezione di fiale viene fornita con uno scarificatore o un disco da taglio in ceramica.


Le compresse sono prodotte in blister da 10 pezzi, confezionati in una scatola di cartone. Ogni compressa contiene 0,01 g di ingrediente attivo.

Il principio attivo del farmaco penetra facilmente nei tessuti dell'occhio, promuovendo la dilatazione delle pupille per un periodo da 10 a 60 minuti. Il metabolismo viene effettuato nel fegato e nel tratto gastrointestinale e i metaboliti vengono escreti attraverso i reni.

Indicazioni per l'uso di Mezaton

Applicazione in oftalmologia

  • iridociclite, uveite anteriore (trattamento e prevenzione delle aderenze posteriori, astenopia, riduzione dell'essudazione dall'iride);
  • dilatazione della pupilla a fini diagnostici durante l'oftalmoscopia e altre procedure necessarie per determinare le condizioni della parte posteriore dell'occhio, nonché per interventi laser e chirurgia vitreo-retinica;
  • per test provocatori in persone con un profilo angolare della camera anteriore stretto e sospetto glaucoma ad angolo chiuso;
  • diagnosi differenziale del tipo di iniezioni del bulbo oculare;
  • riduzione dell'iperemia e dell'irritazione nella sindrome degli "occhi rossi";
  • trattamento complesso dello spasmo di alloggio nei bambini.

Per somministrazione parenterale

  • ipotensione arteriosa;
  • shock (incluso shock traumatico e tossico);
  • una forma vascolare di insufficienza, che può verificarsi anche con un sovradosaggio di vasodilatatori;
  • come vasocostrittore di anestesia locale.

Per uso intranasale

  • rinite allergica o vasomotoria.

Trattamento dell'iridociclite

Vale la pena parlare di questo disturbo in modo più dettagliato. Devi capire che l'iridociclite è una malattia dell'occhio. È con lui che queste gocce vengono utilizzate più spesso.

Fondamentalmente, l'iridociclite è un'infiammazione dell'iride e del corpo ciliare. Di norma, la loro sconfitta articolare è spiegata da un comune apporto di sangue e da una comune innervazione nervosa. Il processo infiammatorio isolato si sviluppa solo in rari casi..

Che si tratti di iridociclite diventa chiaro quando vengono conosciuti fattori provocatori. Di norma, si tratta di affaticamento fisico o mentale, malattie del sistema endocrino, grave ipotermia. Allo stesso tempo, è spesso impossibile stabilire la vera causa della malattia..

Spesso, i pazienti apprendono che questa è una malattia dell'occhio iridociclite quando si sviluppa sullo sfondo di altri disturbi. Quindi si chiama endogeno. Gli esperti ritengono che le ragioni che lo causano sono:

  1. Malattie infettive causate da virus, batteri o funghi. In questo caso, il più da temere di tubercolosi, morbillo, herpes, influenza.
  2. Le malattie sistemiche associate al tessuto connettivo sono artrite reumatoide, sarcoidosi, psoriasi, gotta.
  3. La presenza nel corpo di focolai di una pericolosa infezione cronica - carie, cisti basali dei denti, sinusite, sinusite.

In alcuni casi, l'iridociclite può svilupparsi sullo sfondo di altre malattie degli occhi. Ad esempio, sclerite o cheratite, nonché a causa di interventi chirurgici sull'occhio, ferite e lesioni del bulbo oculare.

A causa dell'iridociclite, appare la fotofobia, la vista diminuisce, il dolore e la lacrimazione appaiono nell'occhio, che possono diffondersi nella regione temporale della testa. I sintomi classici di questo disturbo sono:

  • scolorimento dell'iride dell'occhio;
  • dilatazione dei vasi sanguigni attorno al limbus;
  • sfocatura e morbidezza del motivo dell'iride;
  • una diminuzione del diametro della pupilla, accompagnata da una lenta reazione alla luce. Il formato dell'allievo può diventare anormale quando compaiono aderenze tra il diaframma e l'obiettivo..

Per diagnosticare questa malattia, la camera anteriore dell'occhio viene esaminata utilizzando un microscopio speciale, nonché la palpazione del bulbo oculare. Le indicazioni per queste procedure sono i reclami dei pazienti.

Durante l'esame della camera anteriore, il medico deve prestare particolare attenzione alla nuvolosità dell'umidità e all'accumulo di cellule. Nella parte inferiore della camera, il pus appare a forma di mezzaluna, che si chiama ipopione.

Se il vaso sanguigno si rompe, l'essudato diventa arrugginito o rosso.

Nel trattamento della malattia prima del ricovero, vengono attivamente utilizzati farmaci che dilatano la pupilla. Ad esempio, colliri "Mezaton". Va sottolineato che è severamente vietato utilizzarli senza prescrizione medica..

Nella fase del trattamento ospedaliero, la terapia mira principalmente ad eliminare le cause che hanno causato questa malattia. Ad esempio, se l'iridociclite principale è un'infezione, vengono prescritti antibiotici e, se allergici, corticosteroidi o antistaminici.

La malattia può essere grave a causa della malattia autoimmune di accompagnamento. Quindi sono richiesti immunomodulatori e agenti citostatici. Spesso è necessario ottenere il riassorbimento dell'essudato infiammato il prima possibile. I preparati enzimatici vengono utilizzati per prevenire le aderenze.

I metodi fisioterapici si sono dimostrati altamente efficaci. Se appare il glaucoma secondario, non puoi fare a meno dei farmaci che possono abbassare la pressione intraoculare.

A causa dell'infiammazione attiva, le lenti a contatto sono controindicate. E con un'ulteriore correzione della vista, dovresti consultare un medico, tenendo conto del quadro clinico di questa malattia e della probabilità di ricaduta.

È importante che sia possibile la prevenzione dell'iridociclite. Consiste nel trattamento tempestivo delle infezioni croniche che si verificano nel corpo

Dovresti anche rafforzare il sistema immunitario, combattere tempestivamente le malattie sistemiche del tessuto connettivo, cioè reumatismi, gotta.

Controindicazioni

  • feocromocitoma;
  • ipertrofia nella cardiomiopatia ostruttiva;
  • fibrillazione ventricolare;
  • ipersensibilità ai componenti.

L'applicazione in oftalmologia è controindicata:

  • con glaucoma ad angolo chiuso o ad angolo chiuso;
  • se ci sono disturbi significativi del sistema cardiovascolare (inclusi malattie cardiache, ipertensione, aneurisma, tachicardia);
  • con diabete mellito insulino-dipendente;
  • con tireotossicosi, ipertiroidismo;
  • la presenza di violazioni dell'integrità del fondo o violazioni della funzione di lacrimazione, carenza congenita di glucosio-6-fosfato idrogenasi, porfiria epatica;

L'uso di Mesoton con cautela è possibile

  • con acidosi metabolica;
  • con ipercapnia;
  • con ipossia;
  • con fibrillazione atriale;
  • con ipertensione arteriosa, nonché ipertensione nel piccolo cerchio del sistema circolatorio;
  • con ipovolemia;
  • con grave stenosi aortica;
  • con infarto miocardico acuto;
  • con tachiaritmie e aritmie ventricolari;
  • con malattia vascolare occlusiva (inclusa una storia): con tromboembolia arteriosa, aterosclerosi, tromboangiite obliterante (malattia di Buerger), malattia di Raynaud, tendenza vascolare agli spasmi, nonché congelamento, con endarterite diabetica, diabete mellito, uso combinato di inibitori del monossido;
  • quando si utilizza l'anestesia generale (fluorotanica), compromissione della funzionalità renale;
  • nella vecchiaia o nell'infanzia (≤ 18 anni).

Attenzione! Mezaton sotto forma di collirio può essere utilizzato in pediatria, ad eccezione dei neonati con basso peso alla nascita.

Informazioni aggiuntive

I colliri "Mezaton" sono generalmente combinati senza complicazioni con altri farmaci ad azione locale. Ma non dovresti usare Atropine e Mezaton allo stesso tempo, poiché entrambi i farmaci possono migliorare l'azione reciproca

Con cautela, questo farmaco è combinato con inibitori delle monoaminossidasi

Questi colliri possono essere utilizzati, se necessario, durante il trasporto di un bambino o l'allattamento, ma rigorosamente come prescritto dal medico curante e sotto la sua supervisione. Inoltre, il farmaco può essere utilizzato in pediatria..

Se, durante l'esame diagnostico del paziente, è necessario iniettare nuovamente i colliri, la dilatazione della pupilla potrebbe essere inferiore rispetto alla prima instillazione.

Se i colliri "Mezaton" sono prescritti in combinazione con altri farmaci per la somministrazione locale agli organi visivi, il farmaco successivo può essere somministrato non prima di quindici minuti dopo l'instillazione di "Mezaton".

È necessario utilizzare il farmaco entro due settimane dall'apertura del flacone. Se il corso del trattamento è terminato prima e non sono stati utilizzati tutti i colliri, vengono eliminati. Non è consigliabile trasferire la fiala del farmaco per l'uso da parte di altri pazienti.

Dopo l'apertura, la fiala di plastica viene conservata in frigorifero; il farmaco non può essere congelato. In forma non imballata, i colliri vengono conservati lontano dal calore e dalla luce solare per un massimo di tre anni.


Irifrin è un farmaco universale che sostituisce perfettamente, se necessario, "Mezaton" durante la diagnostica, inoltre è spesso prescritto per il trattamento dell'iridociclite

Se il farmaco "Mezaton" è scarsamente tollerato dal paziente o non disponibile, può essere sostituito con i seguenti analoghi:

  • Irifrin. Può essere utilizzato per l'esame diagnostico, ma è più spesso prescritto nella terapia complessa di uveite o iridociclite. Se il farmaco è ben tollerato, può essere utilizzato come agente profilattico con tendenza alla sindrome dell'occhio secco. Il grande vantaggio è che questi colliri sono disponibili in due tipi con diverse concentrazioni del principio attivo, che consente loro di essere utilizzati in pediatria, anche per l'esame o il trattamento dei neonati..
  • Cyclomed. Dilata rapidamente e permanentemente le pupille degli occhi, ma allo stesso tempo può causare secchezza dell'occhio e della pelle circostante, deterioramento della vista (velo davanti agli occhi).
  • Atropina. Il farmaco inizia ad agire dopo 20-30 minuti dopo la somministrazione, l'efficacia rimane per almeno sei ore. È utilizzato principalmente a fini diagnostici, nonché per la prevenzione di coaguli di sangue nei vasi delle strutture oculari.
  • Vistosan. Il principale ingrediente attivo di queste gocce è anche la fenilefrina, il meccanismo d'azione è simile a quello di Mezaton, ma un po 'più intenso e più lungo. Per questo motivo, i colliri vengono utilizzati principalmente per il trattamento di glaucoma, uveite e altre patologie oftalmiche, per preparare il paziente all'intervento chirurgico e meno spesso per un esame diagnostico..

Tutti gli analoghi hanno effetti collaterali e controindicazioni, quindi dovrebbero essere prescritti solo da un oculista.

Riassunto: I colliri "Mezaton" sono utilizzati in oftalmologia per l'esame diagnostico, il trattamento e la prevenzione di alcune malattie degli organi della vista. Il farmaco ha un pronunciato effetto vasocostrittore, riducendo così la pressione intraoculare e dilatando la pupilla. Poiché "Mezaton" si riferisce a farmaci che agiscono sui recettori alfa-adrenergici, nelle farmacie viene rilasciato rigorosamente secondo la prescrizione del medico. Non è consigliabile iniziare a usare questi colliri da soli, modificare il dosaggio o la durata del trattamento prescritto dal medico.

Effetti collaterali

  • aumento della pressione sanguigna;
  • fibrillazione ventricolare;
  • palpitazioni;
  • aritmia;
  • cardialgia;
  • bradicardia;
  • vertigini;
  • un sentimento di paura;
  • insonnia;
  • debolezza;
  • ansia;
  • mal di testa;
  • parestesia;
  • emorragia nel cervello;
  • tremore;
  • convulsioni;
  • pelle pallida del viso;
  • formazioni locali di una crosta quando entra nel tessuto;
  • ischemia della pelle nel sito di iniezione;
  • reazioni allergiche.

Possibili reazioni avverse dagli organi della vista se utilizzate in oftalmologia

Sensazione di bruciore, iperemia reattiva, visione offuscata, irritazione, disagio, aumento della pressione intraoculare, lacrimazione, miosi reattiva.

Azione farmacologica e gruppo

Il nome internazionale (DCI) di questo farmaco è fenilefrina, un derivato dell'epinefrina (adrenalina). Questo nome non è proprietario e sono disponibili diversi colliri sotto il nome di Fenilefrina. Mezaton è un nome commerciale che rende più comoda la scelta dell'acquirente. Nell'industria farmaceutica, l'uso di nomi commerciali e non proprietari consente la diversità dei prodotti. Codice CAS per Mezaton - 59 43 7.

Il meccanismo d'azione di questo agente si basa sull'effetto sui recettori adrenergici, aree sensibili all'adrenalina. Sotto l'influenza del farmaco, la pupilla si espande e la lacrimazione diminuisce. Allo stesso tempo, la pressione intraoculare diminuisce: l'effetto di questo gruppo di farmaci midriatici si basa su questo..

La farmacodinamica del farmaco consente il suo assorbimento nel sangue in piccole quantità e la probabilità di sviluppare effetti collaterali sistemici - aumento della pressione sanguigna, secchezza delle fauci e altri. Al fine di ottenere reazioni sistemiche pronunciate, viene utilizzata Mezaton, una soluzione iniettabile. La principale forma di rilascio del farmaco è sotto forma di una soluzione al 2,5% o all'1%. L'uso della soluzione iniettabile in oftalmologia è limitato a causa delle peculiarità della sua farmacologia - effetti generali pronunciati.

Istruzioni per l'uso di Mezaton (Strada e dosaggio)

Si consiglia l'uso di colliri come instillazioni: è necessario iniettare 1 goccia nel sacco congiuntivale dell'occhio.

Iniezione endovenosa o jet si consiglia di eseguire la soluzione lentamente.

In uno stato di collasso

  • Fiale Mezaton, istruzioni per l'uso per la somministrazione endovenosa di flebo: utilizzare 1 ml di soluzione all'1% diluita in 250 o 500 ml di soluzione di destrosio al 5%.
  • 0,1 / 0,3 / 0,5 ml di una soluzione all'1% devono essere diluiti in 20 ml di una soluzione di destrosio al 5% o soluzione di cloruro di sodio allo 0,9%. Se necessario, ripetere l'introduzione.
  • Il dosaggio per la somministrazione sottocutanea o intramuscolare nei pazienti adulti va da 0,3 a 1 ml di una soluzione all'1% fino a 2-3 volte al giorno; per bambini dai 15 anni (con ipotensione arteriosa) con anestesia spinale - da 0,5 a 1 mg per 1 kg di peso corporeo del bambino.

Al fine di restringere i vasi nelle mucose e ridurre le manifestazioni di infiammazione

È necessario lubrificare o instillare la concentrazione del farmaco. soluzione - 0,125 / 0,25 / 0,5 / 1%.

Per l'anestesia locale

Si consiglia di aggiungere 0,3-0,5 ml di soluzione all'1% in 10 ml di solvente anestetico.

La dose massima consentita per gli adulti: dose singola per somministrazione sottocutanea e intramuscolare - non più di 10 mg, ogni giorno - non più di 50 mg, per somministrazione endovenosa: la dose singola è fino a 5 mg, la dose giornaliera - 25 mg.

Attenzione!

Al fine di prevenire un abbassamento ripetuto della pressione sanguigna associato alla sospensione del farmaco, la dose viene gradualmente ridotta, soprattutto dopo un'infusione prolungata. L'infusione può essere ripresa se syst. BP fino a 70-80 mm Hg.

Informazioni generali [| ]

La fenilefrina è un farmaco adrenomimetico sintetico. È uno stimolante dei recettori α-adrenergici; ha scarso effetto sui recettori β del cuore. Provoca il restringimento delle arteriole e un aumento della pressione sanguigna (con possibile bradicardia riflessa). Rispetto alla noradrenalina e all'adrenalina, aumenta la pressione sanguigna in modo meno acuto, ma dura più a lungo. La gittata cardiaca sotto l'influenza della fenilefrina non aumenta (può persino diminuire).

A differenza dell'adrenalina e della noradrenalina, la fenilefrina non è una catecolamina (contiene solo un gruppo ossidrilico nel nucleo aromatico) ed è poco influenzata dall'enzima catecol-O-metiltransferasi (COMT), che è coinvolto nella biotrasformazione delle catecolamine. A questo proposito, il mezaton è più stabile, ha un effetto più lungo; efficace se assunto per via orale (ma inferiore a quando somministrato per via parenterale).

La fenilefrina viene utilizzata per aumentare la pressione sanguigna in caso di collasso e ipotensione associati a una diminuzione del tono vascolare (ma non con debolezza cardiaca primaria), in preparazione per le operazioni e durante le operazioni, con intossicazione, malattie infettive, malattia ipotonica; per vasocostrizione e riduzione dell'infiammazione con rinite vasomotoria e da fieno, congiuntivite, ecc.; come sostituto dell'adrenalina in soluzioni anestetiche; dilatare la pupilla.

Con una riduzione acuta della pressione sanguigna, la fenilefrina viene solitamente iniettata in una vena alla dose di 0,1-0,3-0,5 ml di soluzione all'1% in 40 ml di soluzione di glucosio al 5-20-40% o soluzione isotonica di cloruro di sodio; iniettato lentamente, ripetere le iniezioni se necessario. 1 ml di soluzione all'1% in 250-500 ml di soluzione di glucosio al 5% viene iniettato a gocce.

Sotto la pelle o nominare per via intramuscolare 0,3-1 ml di soluzione all'1% (adulti), all'interno - 0,01-0,025 g 2-3 volte al giorno.

Per restringere i vasi delle mucose e ridurre l'infiammazione, vengono utilizzati lubrificando o instillando soluzioni allo 0,25-0,5%. Per l'anestesia locale, aggiungere 0,3-0,5 ml di soluzione all'1% per 10 ml di soluzione anestetica.

per adulti all'interno: singolo 0,03 g, giornaliero 0,15 g; sotto la pelle e per via intramuscolare: singolo 0,01 g, ogni giorno 0,05 g; in vena: singolo 0,005 g, ogni giorno 0,025 g.

Usare con cautela nelle malattie miocardiche croniche, ipertiroidismo e negli anziani.

Questo farmaco ha somiglianze nell'azione clinica con etedrina.

Oftalmologia [| ]

Se applicato localmente in oftalmologia, provoca dilatazione della pupilla, migliora il deflusso del liquido intraoculare e restringe i vasi della congiuntiva, quindi può abbassare la pressione intraoculare in forme di glaucoma ad angolo aperto.

Per dilatare la pupilla, vengono iniettate 2-3 gocce di una soluzione all'1-2% nel sacco congiuntivale. L'effetto midriatico è più breve rispetto all'atropina (diverse ore) [2].

Preparazioni contenenti fenilefrina: midrimax, irifrin, ecc. Irifrina - colliri che contengono 25,0 o 100,0 mg di fenilefrina cloridrato in un flacone contagocce o in un flacone con contagocce da 5,0 ml. La soluzione è generalmente chiara o giallo chiaro. Ha un effetto sui recettori α-adrenergici, che contribuiscono alla contrazione dei muscoli che dilatano la pupilla (midriasi) e al restringimento delle arteriole della congiuntiva [3].

Interazione

Le reazioni di interazione farmacologica sono osservate quando si combina la terapia con i seguenti farmaci:

  • Con diuretici e farmaci antiipertensivi - l'effetto antiipertensivo dei farmaci diuretici e antiipertensivi diminuisce, ad esempio: Guanadrela, Guanethidine, Methyldopa, Mecamylamine.
  • Con fenotiazine, α-bloccanti (fentolamina), l'effetto ipertensivo diminuisce.
  • Con gli inibitori MAO, ad esempio, con furazolidone, procarbazina, selegilina, nonché ossitocina, alcaloidi ergot, antidepressivi triciclici, metilfenidato, adrenostimulanti, si osserva un aumento significativo dell'effetto pressore e dell'aritmogenicità della fenilefrina.
  • Con i beta-bloccanti, l'attività stimolante cardiaca diminuisce, con Reserpine è possibile lo sviluppo dell'ipertensione arteriosa, che si verifica a causa dell'esaurimento del deposito di catecolamine localizzate nelle terminazioni adrenergiche, che aumenta la risposta agli adrenomimetici.
  • Con anestetici per inalazione (cloroformio, enflurano, alotano, isoflurano, metossiflurano), aumenta la probabilità di aritmie atriali e ventricolari gravi a causa di un forte aumento della sensibilità miocardica ai farmaci - simpaticomimetici.
  • Con Ergometrina, Ergotamina, Metilergometrina, ossitocina, Doxapram - aumenta la gravità dell'effetto vasocostrittore.
  • Con i nitrati, il loro effetto antianginale diminuisce, il che porta successivamente a una diminuzione dell'effetto pressore dei simpaticomimetici e al rischio di sviluppare ipotensione arteriosa.
  • Con gli ormoni tiroidei, vi è un reciproco potenziamento degli effetti e il rischio di insufficienza coronarica, che è aggravata dall'aterosclerosi coronarica.
  • L'effetto midriatico della fenilefrina è aumentato dall'azione di Atropina.

Caratteristiche importanti nel trattamento

Ci sono una serie di importanti caratteristiche dell'uso del farmaco Mezaton, riguardanti la sua conservazione, l'uso e le interazioni con altri medicinali. Le interazioni farmaco-farmaco possono migliorare o indebolire l'effetto di Mezaton e di altri farmaci.

L'uso concomitante topico di fenilefrina con atropina migliora la dilatazione della pupilla.

Il farmaco non viene utilizzato con farmaci che abbassano la pressione sanguigna a causa dei probabili effetti opposti con un aumentato rischio di morte.

Gli inibitori delle monoaminossidasi non possono essere utilizzati con Mezaton. Dal momento della loro cancellazione all'uso di Mezaton, dovrebbe passare almeno una settimana. Il farmaco non viene usato con antidepressivi triciclici, glicosidi cardiaci, farmaci antiaritmici e anestesia per inalazione.

È possibile utilizzare il farmaco durante la gravidanza. Il farmaco può influire sulla chiarezza della visione, quindi, dopo averlo usato, devono essere evitati lavori che richiedono concentrazione di attenzione e velocità di reazione. Dobbiamo aspettare il ripristino della visione. Se è necessario somministrare il farmaco durante l'allattamento, è necessario interrompere l'allattamento durante l'assunzione del farmaco.

Poiché dopo aver usato il farmaco, la dilatazione della pupilla persiste per 2-3 ore, è possibile una sensazione di fotofobia. È necessario limitare l'esposizione alla luce intensa sugli occhi e limitare l'affaticamento degli occhi - per escludere la lettura, la visualizzazione di informazioni visive sugli schermi di vari dispositivi, utilizzare gli occhiali da sole.

istruzioni speciali

Durante la terapia, è necessario controllare i parametri delle estremità ECG, la pressione sanguigna, il volume minuto del flusso sanguigno, la circolazione sanguigna alle estremità e nel sito di iniezione.

La correzione di ipossia, ipercapnia, ipovolemia e acidosi è necessaria all'inizio e durante la terapia dello stato di shock..

Durante l'applicazione di Mesaton, si raccomanda di astenersi dal guidare un'auto e altre attività che richiedono reazioni ad alta velocità, motorie e mentali, nonché altre attività pericolose (controllo di meccanismi complessi, lavori sulle macchine).

Condizioni d'immagazzinamento di Mezaton

Conservare Mezaton rigorosamente secondo le istruzioni. Le gocce devono essere conservate in un luogo buio e lontano dalla luce solare diretta.

È particolarmente importante osservare il regime di temperatura: le gocce possono essere lasciate sia in frigorifero che in un semplice kit di pronto soccorso - la temperatura ottimale per la conservazione dovrebbe essere compresa tra 0 e +35 gradi. Fino all'apertura delle gocce, è consentito conservarle a temperatura ambiente, ma non appena la tenuta è stata rotta e hai iniziato a usarle, la conservazione è consentita solo in frigorifero.

Fino all'apertura delle gocce, è consentito conservarle a temperatura ambiente, ma non appena la tenuta è stata rotta e hai iniziato a usarle, la conservazione è consentita solo in frigorifero..

A basse temperature, le gocce mantengono le loro proprietà medicinali per 30 giorni di calendario, dopo questo periodo, il flacone deve essere scartato.

Ricordarsi di tenere il tubo ben chiuso durante lo stoccaggio per limitare la presa d'aria. Mezaton deve essere usato prima della data di scadenza, altrimenti non sono esclusi gli effetti negativi del farmaco sul corpo.

Durante la gravidanza e l'allattamento

Il trattamento è possibile con cautela: solo su istruzioni rigorose e sotto la supervisione del medico curante, che ha valutato obiettivamente l'equilibrio tra benefici e rischi per la madre, il feto e il nascituro. Inoltre, è stato stabilito che l'uso di vasocostrittori durante il travaglio per correggere l'ipotensione arteriosa, nonché gli additivi agli anestetici locali sullo sfondo di tali farmaci che possono stimolare la contrattilità uterina (ad esempio: Vasopressina, Metil ergometrina, Ergotamina, Ergometrina), può portare a aumento persistente della pressione arteriosa nel periodo postpartum.

Brevi informazioni sul collirio Mezaton

Questo strumento stabilizza la pressione degli organi visivi, restringe i vasi sanguigni, normalizza il livello del liquido intraoculare. Mezaton è raccomandato per miopia, alto stress visivo e sindrome degli occhi rossi. Le gocce hanno un effetto rapido, anche dopo un uso del farmaco, si ottiene un significativo effetto farmacologico. A seconda del grado della malattia, Mezaton può essere prescritto con diversi livelli di concentrazione di sostanze attive. Il farmaco ha un ampio elenco di controindicazioni, quindi è importante consultare prima l'oculista in cura. Vietato per l'uso da parte di donne in gravidanza e durante l'allattamento

Il medicinale può causare ritardo nella crescita fetale e parto prematuro. Non può essere prescritto a bambini, persone con tachicardia e ipertensione. Il farmaco ha un effetto lieve, non brucia gli occhi, non provoca prurito. Mezaton è anche raccomandato per l'uso in caso di miopia, predisposizione genetica a malattie oftalmologiche, vene varicose, diabete mellito, con elevati carichi di vista e anziani..

Pertanto, è necessario includere nella dieta quotidiana cibi sani contenenti importanti vitamine. Aiuteranno ad eliminare i problemi di vista e le gocce, che contengono vitamine importanti per gli occhi.

Naturalmente, con l'aiuto di tali farmaci, non sarà possibile curare completamente la miopia, ma possono migliorare significativamente la vista "..

Analoghi

Corrispondente al livello ATX 4:
norepinefrina

E 'Importante Conoscere Il Glaucoma