Tomografia della retina di Heidelberg (HRT III, tomografia della retina di Heidelberg)

Questo è un metodo di visualizzazione della testa del nervo ottico (disco del nervo ottico), che consente di valutare le caratteristiche anatomiche della testa del nervo ottico (testa del nervo ottico) in salute e malattia. Il dispositivo registra una mappa "topografica" dettagliata della superficie GZN. Vengono eseguite misurazioni accurate dei principali parametri del GZN: la sua area; area, profondità e volume di scavo, area e volume della cintura neuro-retinica (NRP), rapporto E / D, ecc..

L'obiettivo principale dello studio è la diagnosi precoce del glaucoma identificando le lesioni della testa del nervo ottico che sono caratteristiche del glaucoma, nonché il monitoraggio dinamico dello stato del nervo ottico per valutare l'efficacia del trattamento antiipertensivo e la velocità di progressione del glaucoma.

Per fissare un appuntamento

Appuntamento con specialisti

nell'ambito dell'assicurazione malattia obbligatoria: +7 (812) 200-16-88;
nell'ambito dell'assicurazione medica volontaria: +7 (812) 437-35-22.

Informazioni sui servizi medici a pagamento: +7 (812) 437-11-00.

Gli appuntamenti vengono inoltre effettuati sul sito Web gorzdrav.spb.ru

Appuntamento agli specialisti dell'ufficio del glaucoma e della retinopatia diabetica per telefono 200-16-88 (vengono serviti gli abitanti dei distretti di Kurortny e Kronstadt).

Preliminari documenti in ufficio. N. 131 del policlinico n. 68, primo piano.
Con te, avere un rinvio per una consultazione dalla clinica per m / f, una polizza assicurativa medica obbligatoria, un passaporto e SNILS.
Se disponibile, disporre di documentazione medica (dimissione ospedaliera anticipata, dati provenienti da esami ambulatoriali)

Comitato di selezione

+7 (911) 291-40-01 - comitato di selezione: venerdì dalle 10:00 alle 13:00, ufficio. 20, edificio di riabilitazione (è necessario disporre dei dati dell'esame di un oculista, indicando la necessità di un rinvio per un intervento chirurgico);

Dal 01.11.19 l'appuntamento primario di un oftalmologo per un'operazione di cataratta sarà effettuato solo da referenze elettroniche da cliniche di base, indicando la data e l'ora dell'appuntamento.

Il tempo di attesa per l'operazione è determinato dal medico al primo appuntamento.

Scopri le possibili modifiche al telefono +7 (812) 437-40-75

Tomografia RM e TC della retina

anatomia dell'occhio

    Soddisfare:
  1. Quali tipi di sondaggi esistono
  2. Esame di risonanza magnetica della retina
  3. TAC della retina

Gli esami oculistici mediante tomografia possono rilevare disabilità visive anche nelle fasi primarie. La diagnosi precoce identifica le malattie del cervello che influenzano direttamente la funzione del bulbo oculare. La tomografia retinica aiuta a identificare: distacco, angiopatia, atrofia, trombosi e altri cambiamenti patologici.

Quali tipi di esami esistono sullo stato della retina?

Esame di risonanza magnetica della retina

È consentito condurre l'imaging a risonanza magnetica con una rottura della retina dell'occhio, poiché è stato dimostrato che sotto l'influenza del campo magnetico, non vi è un carico eccessivo sull'occhio del paziente. Se necessario, sono consentiti studi ripetuti. Con il glaucoma, puoi fare un tomogramma della retina usando la risonanza magnetica.

TAC della retina

Non è consigliabile eseguire una seconda TAC immediatamente dopo la prima procedura, poiché è stato dimostrato che il carico sull'occhio del paziente con una tomografia computerizzata della retina può portare a una complicazione del benessere.

Nervo ottico - struttura, funzione, malattie


Uno degli elementi più importanti dell'apparato visivo è il nervo ottico. Ha una struttura complessa e svolge un ruolo centrale nella trasmissione degli impulsi al cervello. Il nervo ottico, come qualsiasi organo, è suscettibile a una varietà di malattie. Anche con lievi danni, l'acuità visiva inizia a declinare rapidamente. Senza una terapia tempestiva, l'elemento si atrofizza e la persona diventa cieca. La patologia è irreversibile, poiché le cellule nervose praticamente non si riprendono.

Qual è il nervo ottico?

Questo è un plesso delle migliori fibre nervose attraverso il quale gli impulsi ottici primari, letti dalle cellule della retina, passano ed entrano nel cervello. La loro struttura è diversa dal resto delle fibre. Sembra una sostanza cerebrale.

Struttura

L'anatomia del nervo ottico è complessa e occupa molto spazio. La lunghezza media dell'elemento è compresa tra quaranta e cinquanta millimetri. La parte principale del nervo si trova all'interno dell'orbita. Si trova nella formazione ossea, nello stesso posto dell'organo della visione stessa. Su tutti i lati, le fibre sono circondate dal tessuto parabulbar (tessuto adiposo).

Il nervo ottico è diviso in quattro aree principali:

Testa del nervo ottico

Il disco del nervo ottico è l'inizio del nervo ottico. Il disco è formato dai processi delle cellule della retina. La fine del nervo è il chiasma. Questo è un tipo di incrocio situato sopra la ghiandola pituitaria all'interno del cranio.

Poiché il disco è una raccolta di cellule nervose, si gonfia leggermente sopra la superficie. Pertanto, i medici a volte lo chiamano "papilla". Il disco del nervo ottico occupa una piccola area, un massimo di tre millimetri quadrati. Il diametro dell'elemento è di 2 mm. Il disco non si trova rigorosamente al centro della retina, è leggermente spostato verso il naso. A questo proposito, sul guscio si formano scotomi o "punti ciechi"..

Il disco del nervo ottico non ha praticamente protezione. Le guaine appaiono sul nervo solo quando passano attraverso la sclera, cioè all'uscita dal bulbo oculare.

L'afflusso di sangue al disco viene effettuato da piccoli processi dalle arterie ciliare ed è di natura segmentale. Per questo motivo, se questo processo fallisce, viene diagnosticata una perdita acuta e talvolta irreversibile della funzione ottica..

Guaine dei nervi ottici

Il disco del nervo ottico non è protetto dalle membrane, si formano solo nella regione intraoculare, nel sito di uscita dall'organo di visione nell'orbita. Le conchiglie sono rappresentate dalle seguenti formazioni di materia:

  • cerebrale molle;
  • vascolare (aracnoide);
  • cerebrale solido.

Tutte le guaine avvolgono il nervo ottico a strati fino a quando non lascia l'orbita nel cranio. In futuro, l'elemento e il chiasma sono coperti solo da un guscio morbido. All'interno del cranio si trovano in una cisterna speciale formata da vasi..

Rifornimento di sangue al nervo ottico

La parte intraoculare del cranio è dotata di un gran numero di vasi. Tuttavia, sono piccoli, principalmente capillari. Per questo motivo, l'apporto di sangue naturale rimane normale solo a condizione di una buona emodinamica di tutto il corpo..

La testa del nervo ottico è dotata di un numero minimo di piccoli vasi, che sono in grado di fornire all'elemento sangue solo in modo segmentale. Le strutture più profonde del disco ottico sono alimentate con "fluido rosso" dall'arteria retinica centrale. Ma a causa del basso gradiente di pressione in esso e delle sue piccole dimensioni, si osservano spesso ristagno di sangue e lo sviluppo di patologie infettive.

La regione intraoculare ha un buon apporto di sangue, la cui parte principale proviene dai vasi della pia madre del cervello e dall'arteria centrale del nervo ottico. Il chiasma è ben fornito di sangue a causa della membrana subaracnoidea, in cui il "liquido rosso" entra dall'arteria carotide interna.

funzioni

Non ci sono troppi compiti assegnati all'elemento, ma tutti sono di grande importanza nella vita umana. Le principali funzioni del nervo ottico:

  • Comunicazione di informazioni dalla retina alla corteccia cerebrale utilizzando una varietà di strutture intermedie.
  • Risposta fulminea a stimoli esterni (rumore forte, luce intensa, ecc.). Di conseguenza, il corpo innesca in modo riflessivo una reazione difensiva (salto, tirando indietro la mano).
  • Invio inverso di impulsi dalle strutture corticali del cervello alla retina.

Il percorso visivo o il modello di movimento dell'impulso visivo

L'anatomia della trasmissione degli impulsi è estremamente complessa. Il percorso ottico è costituito da due sezioni:

  • Area periferica. Include bastoncini e coni della retina, le sue cellule bipolari e lunghi processi di cellule. Insieme, le tre strutture formano il nervo ottico, il tratto e il chiasma..
  • La regione centrale del percorso ottico. Il tratto ottico termina nel corpo genicolato laterale e nella quadrupla anteriore. Quindi i processi dei gangli formano la radiosità ottica nel cervello. La raccolta di assoni corti di queste cellule si chiama sito di Wernicke. Le fibre lunghe che compongono la zona visiva sensoriale (campo corticale 17) si estendono da essa. Quest'area del cervello ha una posizione "guida" nella funzione ottica.

Immagine oftalmica normale della testa del nervo ottico

Durante un esame fisico, il medico della retina vede quanto segue:

  • La testa del nervo ottico è di colore rosa pallido. Nei pazienti anziani e in quelli che soffrono di glaucoma, si nota lo sbiancamento dell'elemento.
  • In assenza di deviazioni, non ci sono inclusioni sul disco. Il drusen grigio-giallastro (depositi di sali di colesterolo) può formarsi con l'età.
  • Il disco del nervo ottico ha un contorno chiaro. La sfocatura dei confini indica un aumento della pressione intracranica e lo sviluppo di altre deviazioni.
Il disco ha normalmente una superficie piana e piatta, senza urti o fosse. Varie tacche compaiono nella miopia grave, nelle fasi avanzate del glaucoma, ecc. L'edema del disco viene diagnosticato con anomalie congestive nel cervello e nel tessuto retrobulbare.
  • Nei giovani pazienti senza deviazioni, la retina ha una ricca tinta rossa e si adatta comodamente su tutta la superficie alla coroide.
  • Normalmente, non ci sono strisce bianche come la neve o gialle lungo la rete vascolare.

Sintomi di sconfitta

Il danno al nervo ottico è solitamente accompagnato dai sintomi principali:

  • Riduzione rapida e indolore dell'acuità oculare.
  • Perdita del campo ottico (da piccole aree a bovini significativi).
  • Formazione di metamorfopsia. Percezione distorta degli oggetti, problemi di discernibilità di sfumature e dimensioni.

Malattie e cambiamenti patologici

Tutte le anomalie del nervo ottico sono divise in diversi tipi, a seconda della causa del loro aspetto:

  • Vascolare. Questi includono la neurootticopatia ischemica anteriore e posteriore.
  • Traumatico. Differiscono nella posizione, ma molto spesso si verificano danni ai nervi nelle regioni tubulari e craniche. Con una frattura delle ossa del cranio, in particolare della parte facciale, si verifica spesso una lesione del processo dell'osso sfenoide attraverso il quale passa il nervo. Con gravi emorragie nel cervello, a volte viene diagnosticata la compressione dell'area del chiasma.
  • Anomalie infiammatorie Questi includono neurite bulbare e retrobulbare, papillite. I principali sintomi di un ascesso del nervo ottico sono spesso identici ad altri segni di danno al tratto: un forte calo dell'acuità visiva, la comparsa di nebbia davanti agli occhi. Con un trattamento tempestivo della neurite retrobulbare, esiste un'alta probabilità di ripristinare completamente la funzione ottica.
  • Patologie non infiammatorie Molto spesso, gli oftalmologi in pratica si trovano di fronte a edema di varie origini e atrofia del nervo ottico.
  • Disturbi del cancro. La forma più comune è i gliomi benigni nei bambini. Di solito, tale anomalia si manifesta fino a dieci anni. Le neoplasie maligne sono rare e metastatiche..
  • Anomalie congenite: aumento della dimensione del disco, coloboma, ecc..

Neurite

Il termine nasconde un processo infiammatorio, il cui agente causale è virus o microbi. Molto spesso, l'ascesso si diffonde al nervo ottico da un altro organo: i seni paranasali, il cervello, ecc. A volte una complicazione simile è accompagnata da una grave influenza.

Anomalie del sistema nervoso che possono portare allo sviluppo della neurite:

  • encefalite;
  • infiammazione della coroide;
  • ascesso cerebrale;
  • meningite.

Anche l'otite, la carie, le infezioni virali e batteriche possono provocare la neurite. La patologia è divisa in due tipi:

  • Papillare. L'infiammazione si trova nell'area del disco ottico.
  • Retrobulbare. L'ascesso è concentrato nell'area tra il disco del nervo ottico e l'intersezione dei percorsi ottici.

I principali sintomi della malattia:

  • Diminuzione dell'acuità visiva, fino alla cecità.
  • Restringimento dei campi ottici o loro perdita parziale.
  • Problemi con la percezione del colore.
  • La comparsa di macchie e nebbia davanti agli occhi.
  • Forte mal di testa.
  • Quando l'organo della visione si muove, appare il disagio, che causa disagio.
La diagnostica comprende l'encefalogramma, la risonanza magnetica e l'oftalmoscopia. Se la neurite è causata da batteri, viene prescritto un ciclo di antibiotici. I glucocorticoidi sono prescritti per bloccare il processo infiammatorio..

Se allo stesso tempo al paziente viene diagnosticato un glaucoma o un'alta pressione intraoculare, vengono prescritti anche diuretici.

La terapia della neurite viene eseguita in un ospedale. In nessun caso puoi trattare un disturbo da solo!

Atrofia

Questa malattia è accompagnata dalla morte graduale delle cellule delle fibre nervose. Un processo patologico simile si osserva con un'infiammazione congestizia nel nervo ottico. La malattia è congenita o acquisita.

Le ragioni per lo sviluppo dell'atrofia:

  • encefalite;
  • trauma cranico;
  • avvelenamento del corpo;
  • patologia del sistema nervoso;
  • la formazione di neoplasie;
  • problemi con l'afflusso di sangue;
  • ascesso cerebrale.

L'atrofia viene diagnosticata nelle malattie della retina, carenza di vitamina, uveite. La principale manifestazione della malattia è una caduta dell'acuità visiva e un restringimento dei campi ottici. Inoltre, i pazienti notano i seguenti sintomi:

  • percezione errata dei colori;
  • perdita della visione del crepuscolo;
  • un aumento del diametro della pupilla con una risposta ridotta alla luce;
  • incapacità di concentrarsi.

Per fare una diagnosi, prima di tutto, viene eseguita un'analisi delle condizioni del fondo. Con lo sviluppo dell'atrofia, il disco perde i suoi confini chiari. La sua tonalità cambia, il disco del nervo ottico diventa pallido. In alcuni casi, viene inoltre prescritta la RM o la tomografia computerizzata. Questo aiuta a identificare le aree danneggiate. La perimetria è obbligatoria per comprendere quali aree del percorso visivo sono interessate.

La terapia mira a combattere la causa che ha provocato lo sviluppo della malattia. Successivamente, è necessario bloccare il processo di atrofia. Con la morte cellulare parziale, il trattamento è mirato alla riabilitazione delle fibre che non sono completamente distrutte.

Per fare ciò, utilizzare i seguenti metodi:

  • Terapia farmacologica. I fondi sono prescritti per espandere i vasi sanguigni e normalizzare la circolazione sanguigna, le vitamine.
  • Fisioterapia: stimolazione laser ed elettromagnetica.
  • Trattamento chirurgico: impianto di elettrodi sul disco o vasorecostruzione.

Neuropatia ischemica del nervo ottico

Questa diagnosi nasconde una violazione del processo di circolazione sanguigna. La malattia viene spesso diagnosticata negli uomini di età superiore ai sessant'anni, affetti da aterosclerosi o ipertensione..

Il quadro clinico della malattia è il seguente:

  • formazione da parte del bestiame;
  • calo dell'acuità visiva in un occhio;
  • rigonfiamento del disco.

La terapia mira a rimuovere il liquido in eccesso, i diuretici sono prescritti per questo. Vengono anche utilizzati corticosteroidi e farmaci per dilatare i vasi sanguigni. È importante iniziare il trattamento in tempo per escludere lo sviluppo dell'atrofia..

Coloboma del nervo ottico

Anomalia congenita, accompagnata dalla formazione di depressioni in diverse parti del disco ottico. Le "fosse" sono piene di cellule retiniche. Le tacche possono essere posizionate sull'iride, sulla retina, sul nervo ottico. La ragione dell'apparizione della patologia è la chiusura impropria del divario embrionale.

Normalmente, scompare nella quarta o quinta settimana di gravidanza. Lo sviluppo anormale può essere causato da ereditarietà o un'infezione trasferita durante il processo di trasporto di un bambino. La sconfitta viene rilevata durante l'oftalmoscopia. In apparenza, ricorda un tondo cavo e di colore argento, che è più grande del disco stesso..

  • miopia;
  • strabismo;
  • astigmatismo miope.
Nei bambini, il disturbo si sviluppa sullo sfondo della sindrome di Down, Warburg, nevo epidermico. In assenza di terapia, si verifica prima l'edema maculare, quindi la sua rottura. Di conseguenza, si osserva il distacco della retina..

Quando si forma una membrana neovascolare subretinale, viene prescritta la coagulazione laser. Se la macula viene staccata, viene eseguita un'operazione. La vitrectomia più comunemente usata e la coagulazione laser. La patologia congenita richiede un trattamento complesso, poiché è spesso accompagnata da una serie di altre anomalie oculari.

Ipoplasia del nervo ottico

Ridurre il diametro del disco del nervo ottico può essere unilaterale o bilaterale. La riduzione delle dimensioni si verifica nell'intervallo dal trenta al cinquanta percento. In questo caso, l'acuità visiva varia da una diottria a una completa perdita della percezione della luce. Potrebbero verificarsi problemi di perdita del campo ottico, visione laterale o centrale.

La malattia non progredisce. La forma più grave della malattia è l'aplasia (assenza di fibre nervose ottiche). L'anomalia si verifica raramente in isolamento, molto spesso è accompagnata da una serie di patologie oculari aggiuntive. Le ragioni principali per lo sviluppo:

  • intossicazione con chinino nel processo di trasporto di un bambino;
  • prendendo un certo gruppo di farmaci (ad esempio steroidi);
  • patologie croniche associate a disturbi metabolici (diabete mellito);
  • l'abuso della madre di alcol e droghe illegali;
  • ignorando le misure per prevenire patologie dello sviluppo fetale nel primo trimestre di gravidanza.
  • calo dell'acuità visiva a una diottria e inferiore;
  • strabismo;
  • problemi con la percezione del colore;
  • perdita della visione del crepuscolo;
  • abbandono dei campi ottici;
  • aniridia.

Durante l'oftalmoscopia, si vede che il disco è ridotto e ha una tonalità diversa (grigio anziché rosa) e le navi sono tortuose. Per fare la diagnosi corretta, sono prescritte la risonanza magnetica e la TC. A volte sono necessarie procedure aggiuntive e diagnostica differenziale.

La terapia ha senso solo nell'infanzia. Sono utilizzate le seguenti tecniche:

  • pleoplastica laser;
  • occlusione di un occhio sano;
  • eliminazione dell'impatto della privazione sull'apparato visivo che non è completamente formato. È importante prevenire lo sviluppo dell'ambliopia;
  • correzione precoce dell'ametropia da contatto.

Metodi di ricerca

Nelle patologie neuro-oftalmiche, la diagnostica comprende sia procedure generali che specializzate.

La prima categoria comprende:

  • Visometry. Verifica dell'acuità visiva mediante tabelle oftalmologiche.
  • Perimetria. Analisi dei campi ottici, consente al medico di rilevare la lesione.
  • Oftalmoscopia. Se la sezione iniziale del nervo è danneggiata, appaiono pallore e gonfiore del disco, la formazione di tacche su di esso.

I metodi di sondaggio specializzati includono:

  • Risonanza magnetica. L'opzione diagnostica ottimale per lesioni, patologie infiammatorie e comparsa di neoplasie.
  • Angiografia fluorescente dei vasi sanguigni. È ampiamente usato in molti paesi. La procedura consente di considerare in quale area viene interrotta la circolazione sanguigna, stabilire la posizione del trombo e prevedere il ripristino della funzione ottica.
  • Tomografia retinica di Heidelberg. Diagnostica, che nei minimi dettagli riflette i cambiamenti nella testa del nervo ottico. La tecnica fornisce un quadro completo delle condizioni del paziente con glaucoma, diabete mellito.
  • Esame ecografico dell'orbita. È prescritto per lesioni alle aree intraoculari e orbitali.

Trattamento

Poiché molti fattori portano a danni al nervo ottico, la terapia viene prescritta solo dopo aver effettuato la diagnosi finale. Nella maggior parte dei casi, la lotta contro la malattia viene effettuata in ospedale..

La neuropatia ischemica è una patologia molto pericolosa che richiede cure di emergenza. La terapia deve essere avviata entro le prime ventiquattro ore dall'inizio dell'attacco. Il trattamento prolungato aumenta il rischio di calo grave e permanente dell'acuità visiva. Il trattamento della malattia comprende l'assunzione di corticosteroidi, diuretici, angioprotettori.

Anomalie traumatiche del nervo ottico possono portare a gravi problemi di vista. Prima di tutto, è necessario eliminare la pressione sul chiasma. Per questo, viene utilizzata la diuresi forzata, viene eseguita la craniotomia. Le previsioni per tali infortuni sono ambigue. A volte la visione può essere completamente preservata, a volte il paziente diventa cieco.

La neurite retrobulbare e bulbare nella maggior parte dei casi segnala lo sviluppo della sclerosi multipla. La seconda causa più comune della comparsa di patologie è l'infezione (influenza, rosolia, morbillo). La terapia ha lo scopo di eliminare il gonfiore e l'infiammazione del nervo. Vengono utilizzati corticosteroidi, agenti antibatterici e antivirali.

I tumori benigni sono diagnosticati nei bambini nel 90% dei casi. Glioma si trova all'interno del canale ottico ed è soggetto a crescita eccessiva. La malattia non risponde alla terapia e il bambino può diventare cieco.

I principali sintomi della patologia:

  • Sul lato danneggiato, l'acuità visiva diminuisce molto rapidamente, fino alla sua completa perdita.
  • Si sviluppa l'esoftalmo. Il rigonfiamento colpisce l'occhio, il cui nervo è influenzato dalla neoplasia.

Molto spesso, il glioma danneggia le fibre del nervo ottico, in rari casi, l'area ottico-chiasmale. Il tumore in quest'ultimo è difficile da diagnosticare in una fase precoce e può portare a diffondersi al secondo occhio.

L'atrofia del nervo ottico viene trattata con decorso. La terapia viene eseguita due volte l'anno per mantenere le condizioni ottimali del paziente. Include l'assunzione di farmaci (Mexidol, Retinalamin) e fisioterapia (stimolazione elettrica, magnetoforesi).

Conclusione

Se riscontri problemi di vista in te o nella tua famiglia, in particolare neonati e anziani, consulta un oculista il prima possibile. Solo un medico sarà in grado di fare la diagnosi corretta e scegliere il corso ottimale della terapia. Ritardare una visita in clinica, specialmente con danni al nervo ottico, minaccia la cecità. Non è più possibile curare una tale patologia..

Ulteriori informazioni sulla struttura del nervo ottico nel video.

Capacità di tomografia a coerenza ottica

Metodi semplici non sono sufficienti per una diagnosi completa della maggior parte delle malattie oftalmiche. La tomografia a coerenza ottica consente di visualizzare la struttura degli organi della visione e identificare le patologie più piccole.

Vantaggi dei PTOM

La tomografia a coerenza ottica (OCT) è un metodo innovativo di diagnostica oftalmica, che consiste nella visualizzazione delle strutture dell'occhio in alta risoluzione. È possibile valutare le condizioni del fondo e degli elementi della camera anteriore dell'occhio a livello microscopico. La tomografia ottica consente di esaminare i tessuti senza rimuoverli, quindi è considerato un analogo delicato di una biopsia.

Gli OCT possono essere paragonati agli ultrasuoni e alla tomografia computerizzata. La risoluzione della tomografia a coerenza è molto più elevata di quella di altri strumenti diagnostici ad alta precisione. Lo Strumento di personalizzazione di Office ti consente di determinare il danno più piccolo fino a 4 micron.

La tomografia ottica è il metodo diagnostico preferito in molti casi perché non è invasivo e non utilizza agenti di contrasto. Il metodo non richiede l'esposizione alle radiazioni e le immagini sono più informative e chiare.

Specificità della diagnostica OCT

Diversi tessuti del corpo riflettono le onde luminose in diversi modi. Durante la tomografia vengono misurati il ​​ritardo e l'intensità della luce riflessa che passa attraverso i tessuti del bulbo oculare. Il metodo è senza contatto, sicuro e altamente informativo.

Poiché l'onda luminosa viaggia a una velocità molto elevata, la misurazione diretta non è possibile. Per decifrare i risultati, viene utilizzato un interferometro Michelson: il raggio è diviso in due raggi, uno dei quali è diretto verso l'area in studio e il secondo su uno specchio speciale. Per l'esame della retina, viene utilizzato un fascio di luce infrarossa a bassa coerenza con una lunghezza d'onda di 830 nm e per l'esame del segmento anteriore dell'occhio, viene utilizzata un'onda di 1310 nm..

Vedi anche: Retinoblastoma - tumore derivante dalla retina immatura.

Se riflessi, entrambi i raggi cadono nel fotorilevatore, si forma un modello di interferenza. Il computer analizza questa immagine e converte le informazioni in una pseudo-immagine. In una pseudo immagine, le aree con un alto grado di riflessione appaiono più calde, mentre le aree con riflessi inferiori possono essere quasi nere. Normalmente, le fibre nervose e l'epitelio pigmentato sono considerati "caldi". Medio grado di riflessione negli strati plessiformi e nucleari della retina e il vitreo viene visualizzato in nero perché è otticamente trasparente.

Funzionalità PTOM:

  • valutazione dei cambiamenti morfologici nella retina e negli strati delle fibre nervose;
  • determinazione dello spessore delle strutture oculari;
  • misurazione dei parametri della testa del nervo ottico;
  • valutazione dello stato delle strutture della camera anteriore dell'occhio;
  • determinazione della relazione spaziale degli elementi del bulbo oculare nel segmento anteriore.

Per ottenere un'immagine tridimensionale, i bulbi oculari vengono scansionati longitudinalmente e trasversalmente. La tomografia ottica può essere difficile con edema corneale, opacità ed emorragia nei media ottici.

Cosa può essere studiato durante la tomografia ottica

La tomografia ottica consente di studiare tutte le parti dell'occhio, ma è più precisamente possibile valutare le condizioni della retina, della cornea, del nervo ottico e degli elementi della camera anteriore. Spesso, viene eseguita una tomografia separata della retina per identificare anomalie strutturali. Al momento non esistono metodi più accurati per esaminare la zona maculare..

Per quali sintomi viene prescritto l'OCT:

  • improvvisa diminuzione dell'acuità visiva;
  • cecità;
  • visione offuscata;
  • vola davanti agli occhi;
  • aumento della pressione intraoculare;
  • dolore acuto;
  • esoftalmo (rigonfiamento del bulbo oculare).

Nel processo di tomografia a coerenza ottica, è possibile valutare l'angolo della camera anteriore e il grado di funzionamento del sistema di drenaggio dell'occhio nel glaucoma. Tali studi vengono effettuati prima e dopo la correzione della visione laser, la cheratoplastica, l'installazione di anelli intrastromali e lenti fachiche intraoculari.

La tomografia ottica viene eseguita se si sospettano le seguenti malattie:

  • alterazioni degenerative della retina (congenite e acquisite);
  • tumori degli organi visivi;
  • aumento della pressione intraoculare;
  • retinopatia diabetica;
  • vitreoretinopatia proliferativa;
  • atrofia, gonfiore e altre anomalie della testa del nervo ottico;
  • membrana epiretinale;
  • trombosi venosa centrale della retina e altre malattie vascolari;
  • disinserimento retinico;
  • lacrime maculari;
  • edema maculare cistico;
  • cheratite profonda;
  • ulcere corneali;
  • miopia progressiva.

La tomografia coerente è assolutamente sicura. Lo Strumento di personalizzazione di Office ti consente di identificare piccoli difetti nella struttura della retina e di iniziare il trattamento in tempo.

Al fine di prevenire lo PTOM, viene eseguito a:

  • diabete mellito;
  • Intervento chirurgico;
  • ipertensione;
  • gravi patologie vascolari.

Controindicazioni alla tomografia a coerenza ottica

La presenza di un pacemaker e di altri dispositivi non è una controindicazione. La procedura non viene eseguita in condizioni in cui una persona non può fissare il suo sguardo, nonché con anomalie mentali e confusione.

Anche l'ambiente di contatto nell'organo della visione può diventare un ostacolo. Il mezzo di contatto indica ciò che viene utilizzato in altri esami oftalmici. Di norma, diverse procedure diagnostiche non vengono eseguite nello stesso giorno..

Immagini di alta qualità possono essere ottenute solo con supporti ottici trasparenti e film lacrimale normale. Può essere difficile condurre PTOM in pazienti con un alto grado di miopia e opacità.

Come viene eseguita la tomografia a coerenza ottica?

La tomografia a coerenza ottica viene eseguita in istituti medici speciali. Anche nelle grandi città non è sempre possibile trovare un ufficio di oftalmologia con uno scanner OCT. La scansione della retina di un occhio avrà un costo di circa 800 rubli.

Non è richiesta alcuna preparazione speciale per la tomografia, lo studio può essere effettuato in qualsiasi momento. Questa procedura richiede un tomografo OCT, uno scanner ottico che dirige i raggi di luce infrarossa nell'occhio. Il paziente è seduto e gli viene chiesto di fissare lo sguardo sul segno. Se non è possibile farlo con l'occhio esaminato, lo sguardo viene fissato con il secondo, che vede meglio. Per una scansione completa, sono sufficienti due minuti in una posizione fissa.

Nel processo, vengono acquisite diverse scansioni, quindi l'operatore seleziona la massima qualità e immagini informative. Il risultato dello studio sono protocolli, mappe e tabelle con cui il medico può determinare la presenza di cambiamenti nel sistema visivo. La memoria del tomografo contiene un quadro normativo che contiene informazioni su quante persone sane hanno indicatori simili. Minore è la coincidenza, maggiore è la probabilità di una patologia in un particolare paziente.

Cambiamenti morfologici del fondo visibili su immagini PTOM:

  • un alto grado di miopia;
  • formazioni benigne;
  • stafiloma sclerale;
  • edema diffuso e focale;
  • edema maculare diabetico;
  • edema con membrana neovascolare subretinale;
  • pieghe della retina;
  • trazione vitreoretinale;
  • rottura lamellare e maculare;
  • attraverso la rottura maculare;
  • pseudo-rottura maculare;
  • distacco dell'epitelio pigmentato;
  • distacco sieroso del neuroepitelio;
  • drusi;
  • rotture dell'epitelio del pigmento;
  • edema maculare diabetico;
  • edema cistico maculare;
  • retinoschisi miopica.

Come puoi vedere, le capacità diagnostiche dei PTOM sono estremamente diverse. I risultati vengono visualizzati sul monitor come un'immagine stratificata. Il dispositivo converte in modo indipendente i segnali, che possono essere utilizzati per valutare la funzionalità della retina. È possibile effettuare una diagnosi basata sui risultati dei PTOM entro mezz'ora.

Decodifica di immagini OCT

Per interpretare correttamente i risultati della tomografia a coerenza ottica, l'oftalmologo deve avere una conoscenza approfondita dell'istologia della retina e della coroide. Anche gli specialisti con esperienza non possono sempre confrontare le strutture tomografiche e istologiche, quindi è desiderabile che diversi medici studino immagini di PTOM.

Accumulo di fluido

La tomografia ottica consente di identificare e valutare l'accumulo di liquido nel bulbo oculare, nonché di determinarne la natura. L'accumulo di liquido intraretinico può indicare edema retinico. È diffuso e cistico. Gli accumuli di liquido intraretinico sono chiamati cisti, microcisti e pseudocisti..

La congestione subretinale indica un distacco sieroso del neuroepitelio. Le immagini mostrano l'elevazione del neuroepitelio e l'angolo di distacco dall'epitelio del pigmento è inferiore a 30 °. Il distacco sieroso, a sua volta, indica CSF o neovascolarizzazione coroidale. In rari casi, il distacco è un segno di coroidite, formazioni coroidali, bande angioidi.

La presenza di accumulo di fluido subpigmentato indica il distacco dell'epitelio del pigmento. Le immagini mostrano l'elevazione dell'epitelio sulla membrana di Bruch..

Neoplasie negli occhi

Sulla tomografia ottica, è possibile vedere le membrane epiretinali (pieghe nella retina), nonché valutare la loro densità e spessore. Con miopia e neovascolarizzazione coroidale, le membrane appaiono come ispessimenti a forma di fuso. Spesso sono combinati con l'accumulo di liquidi..

Le membrane neovascolari nascoste nelle immagini sembrano ispessimenti irregolari dell'epitelio del pigmento. Le membrane neovascolari sono diagnosticate con degenerazione maculare legata all'età, CSF cronica, miopia complicata, uveite, iridociclite, coroidite, osteoma, nevo, degenerazione pseudovitelliforme.

Il metodo OCT consente di determinare la presenza di formazioni intraretiniche (focolai di lana di cotone, emorragie, essudato solido). La presenza di focolai di lana di cotone sulla retina è associata a danno del nervo ischemico nella retinopatia diabetica o ipertensiva, tossicosi, anemia, leucemia, morbo di Hodgkin.

Gli essudati solidi possono essere stellati o isolati. Di solito sono localizzati al confine dell'edema retinico. Tali formazioni si trovano nella retinopatia diabetica, radiologica e ipertensiva, nonché nella malattia di Coats e nella degenerazione maculare umida..

Formazioni profonde si notano con degenerazione maculare. Appaiono cicatrici fibrose che deformano la retina e distruggono il neuroepitelio. Su PTOM, tali cicatrici danno un effetto ombra.

Strutture patologiche con alta riflettività sui PTOM:

  • nevo;
  • ipertrofia dell'epitelio pigmentato;
  • cicatrici;
  • emorragie;
  • essudato duro;
  • trucchi in lana di cotone;
  • membrane neovascolari;
  • infiltrati infiammatori;

Strutture patologiche a bassa riflettività:

  • cisti;
  • edema;
  • distacco di neuroepitelio ed epitelio pigmentato;
  • ombreggiatura;
  • ipopigmentazione.

Effetto ombra

I tessuti ad alta densità ottica possono oscurare altre strutture. Con l'effetto ombra sulle immagini OCT, è possibile determinare la posizione e la struttura delle formazioni patologiche nell'occhio.

L'effetto ombra è dato da:

  • densa emorragia preretinale;
  • trucchi in lana di cotone;
  • emorragie;
  • essudati solidi;
  • melanoma;
  • iperplasia, ipertrofia dell'epitelio pigmentato;
  • formazioni pigmentate;
  • membrane neovascolari;
  • cicatrici.

Caratteristiche retiniche su PTOM

Il gonfiore è la causa più comune di ispessimento della retina. Uno dei vantaggi della tomografia ottica è la capacità di valutare e monitorare la dinamica di diversi tipi di edema retinico. Si osserva una diminuzione dello spessore con degenerazione maculare legata all'età con formazione di zone di atrofia.

Lo Strumento di personalizzazione di Office consente di stimare lo spessore di uno strato specifico della retina. Lo spessore dei singoli strati può variare con il glaucoma e una serie di altre patologie oftalmiche. Il parametro del volume della retina è molto importante per identificare l'edema e il distacco sieroso, nonché per determinare la dinamica del trattamento.

La tomografia ottica può rivelare:

  1. Distrofia maculare legata all'età. Una delle principali cause di disabilità visiva nelle persone di età superiore ai 60 anni. Sebbene nella diagnosi della distrofia vengano utilizzati diversi metodi, la tomografia a coerenza ottica rimane la principale. Lo Strumento di personalizzazione di Office ti permette di determinare lo spessore della coroide nella degenerazione maculare, con il suo aiuto è possibile effettuare una diagnosi differenziale con corioretinopatia sierosa centrale.
  2. Corioretinopatia sierosa centrale. La malattia è caratterizzata dal distacco dello strato neurosensoriale dall'epitelio del pigmento. Nella maggior parte dei casi, la corioretinopatia scompare spontaneamente entro 3-6 mesi, sebbene in alcuni casi si accumuli liquido, il che provoca un deterioramento visivo persistente. CSF cronico richiede un trattamento speciale. Di norma, si tratta di iniezioni intravitreali e coagulazione laser.
  3. Retinopatia diabetica. La patogenesi della malattia è dovuta al danno vascolare. La diagnostica consente di identificare l'edema retinico e controllare le condizioni del corpo vitreo (compreso il distacco posteriore rivelatore).
  4. Rottura maculare, fibrosi epiretinale. Gli OCT possono essere utilizzati per determinare il grado di danno alla retina, pianificare le tattiche del trattamento chirurgico e valutare i risultati.
  5. Glaucoma. Con l'aumento della pressione intraoculare, la tomografia è un ulteriore metodo di esame. Il metodo è molto utile nel glaucoma normoteso, quando si nota un danno al nervo ottico a pressione intraoculare normale. I PTOM possono confermare la malattia e determinarne lo stadio.

La tomografia a coerenza ottica è il metodo più sicuro e informativo per esaminare il sistema visivo. Gli OCT sono consentiti anche per quei pazienti che hanno controindicazioni ad altri metodi diagnostici di alta precisione.

Tomografia retinica di Heidelberg

Che cos'è?

La tomografia laser retinica Heidelberg (HRT) si basa sulla tecnologia di oftalmoscopia a scansione laser confocale e produce un'immagine grafica tridimensionale (3D). Secondo gli oftalmologi negli Stati Uniti, dove la terapia ormonale sostitutiva è il più popolare, questo dispositivo è lo "standard d'oro" nella diagnosi precoce del glaucoma e nel monitoraggio delle tendenze delle malattie.

L'obiettivo principale dello studio - la diagnosi precoce del glaucoma - viene condotto identificando le lesioni della testa del nervo ottico che sono caratteristiche del glaucoma, nonché il monitoraggio dinamico dello stato del nervo ottico per valutare l'efficacia del trattamento antiipertensivo e la velocità di progressione del glaucoma.

Va notato che la tomografia retinica di Heidelberg (HRT) ha altre possibilità. Il monitoraggio tomografico comparativo dell'edema maculare contribuisce in modo significativo al trattamento di varie malattie maculari.

Capacità di tomografia a coerenza ottica

Metodi semplici non sono sufficienti per una diagnosi completa della maggior parte delle malattie oftalmiche. La tomografia a coerenza ottica consente di visualizzare la struttura degli organi della visione e identificare le patologie più piccole.

Vantaggi dei PTOM

La tomografia a coerenza ottica (OCT) è un metodo innovativo di diagnostica oftalmica, che consiste nella visualizzazione delle strutture dell'occhio in alta risoluzione. È possibile valutare le condizioni del fondo e degli elementi della camera anteriore dell'occhio a livello microscopico. La tomografia ottica consente di esaminare i tessuti senza rimuoverli, quindi è considerato un analogo delicato di una biopsia.

Gli OCT possono essere paragonati agli ultrasuoni e alla tomografia computerizzata. La risoluzione della tomografia a coerenza è molto più elevata di quella di altri strumenti diagnostici ad alta precisione. Lo Strumento di personalizzazione di Office ti consente di determinare il danno più piccolo fino a 4 micron.

La tomografia ottica è il metodo diagnostico preferito in molti casi perché non è invasivo e non utilizza agenti di contrasto. Il metodo non richiede l'esposizione alle radiazioni e le immagini sono più informative e chiare.

Specificità della diagnostica OCT

Diversi tessuti del corpo riflettono le onde luminose in diversi modi. Durante la tomografia vengono misurati il ​​ritardo e l'intensità della luce riflessa che passa attraverso i tessuti del bulbo oculare. Il metodo è senza contatto, sicuro e altamente informativo.

Poiché l'onda luminosa viaggia a una velocità molto elevata, la misurazione diretta non è possibile. Per decifrare i risultati, viene utilizzato un interferometro Michelson: il raggio è diviso in due raggi, uno dei quali è diretto verso l'area in studio e il secondo su uno specchio speciale. Per l'esame della retina, viene utilizzato un fascio di luce infrarossa a bassa coerenza con una lunghezza d'onda di 830 nm e per l'esame del segmento anteriore dell'occhio, viene utilizzata un'onda di 1310 nm..

Vedi anche: Retinoblastoma - tumore derivante dalla retina immatura.

Se riflessi, entrambi i raggi cadono nel fotorilevatore, si forma un modello di interferenza. Il computer analizza questa immagine e converte le informazioni in una pseudo-immagine. In una pseudo immagine, le aree con un alto grado di riflessione appaiono più calde, mentre le aree con riflessi inferiori possono essere quasi nere. Normalmente, le fibre nervose e l'epitelio pigmentato sono considerati "caldi". Medio grado di riflessione negli strati plessiformi e nucleari della retina e il vitreo viene visualizzato in nero perché è otticamente trasparente.

Funzionalità PTOM:

  • valutazione dei cambiamenti morfologici nella retina e negli strati delle fibre nervose;
  • determinazione dello spessore delle strutture oculari;
  • misurazione dei parametri della testa del nervo ottico;
  • valutazione dello stato delle strutture della camera anteriore dell'occhio;
  • determinazione della relazione spaziale degli elementi del bulbo oculare nel segmento anteriore.

Per ottenere un'immagine tridimensionale, i bulbi oculari vengono scansionati longitudinalmente e trasversalmente. La tomografia ottica può essere difficile con edema corneale, opacità ed emorragia nei media ottici.

Cosa può essere studiato durante la tomografia ottica

La tomografia ottica consente di studiare tutte le parti dell'occhio, ma è più precisamente possibile valutare le condizioni della retina, della cornea, del nervo ottico e degli elementi della camera anteriore. Spesso, viene eseguita una tomografia separata della retina per identificare anomalie strutturali. Al momento non esistono metodi più accurati per esaminare la zona maculare..

Per quali sintomi viene prescritto l'OCT:

  • improvvisa diminuzione dell'acuità visiva;
  • cecità;
  • visione offuscata;
  • vola davanti agli occhi;
  • aumento della pressione intraoculare;
  • dolore acuto;
  • esoftalmo (rigonfiamento del bulbo oculare).

Nel processo di tomografia a coerenza ottica, è possibile valutare l'angolo della camera anteriore e il grado di funzionamento del sistema di drenaggio dell'occhio nel glaucoma. Tali studi vengono effettuati prima e dopo la correzione della visione laser, la cheratoplastica, l'installazione di anelli intrastromali e lenti fachiche intraoculari.

La tomografia ottica viene eseguita se si sospettano le seguenti malattie:

  • alterazioni degenerative della retina (congenite e acquisite);
  • tumori degli organi visivi;
  • aumento della pressione intraoculare;
  • retinopatia diabetica;
  • vitreoretinopatia proliferativa;
  • atrofia, gonfiore e altre anomalie della testa del nervo ottico;
  • membrana epiretinale;
  • trombosi venosa centrale della retina e altre malattie vascolari;
  • disinserimento retinico;
  • lacrime maculari;
  • edema maculare cistico;
  • cheratite profonda;
  • ulcere corneali;
  • miopia progressiva.

La tomografia coerente è assolutamente sicura. Lo Strumento di personalizzazione di Office ti consente di identificare piccoli difetti nella struttura della retina e di iniziare il trattamento in tempo.

Al fine di prevenire lo PTOM, viene eseguito a:

  • diabete mellito;
  • Intervento chirurgico;
  • ipertensione;
  • gravi patologie vascolari.

Controindicazioni alla tomografia a coerenza ottica

La presenza di un pacemaker e di altri dispositivi non è una controindicazione. La procedura non viene eseguita in condizioni in cui una persona non può fissare il suo sguardo, nonché con anomalie mentali e confusione.

Anche l'ambiente di contatto nell'organo della visione può diventare un ostacolo. Il mezzo di contatto indica ciò che viene utilizzato in altri esami oftalmici. Di norma, diverse procedure diagnostiche non vengono eseguite nello stesso giorno..

Immagini di alta qualità possono essere ottenute solo con supporti ottici trasparenti e film lacrimale normale. Può essere difficile condurre PTOM in pazienti con un alto grado di miopia e opacità.

Come viene eseguita la tomografia a coerenza ottica?

La tomografia a coerenza ottica viene eseguita in istituti medici speciali. Anche nelle grandi città non è sempre possibile trovare un ufficio di oftalmologia con uno scanner OCT. La scansione della retina di un occhio avrà un costo di circa 800 rubli.

Non è richiesta alcuna preparazione speciale per la tomografia, lo studio può essere effettuato in qualsiasi momento. Questa procedura richiede un tomografo OCT, uno scanner ottico che dirige i raggi di luce infrarossa nell'occhio. Il paziente è seduto e gli viene chiesto di fissare lo sguardo sul segno. Se non è possibile farlo con l'occhio esaminato, lo sguardo viene fissato con il secondo, che vede meglio. Per una scansione completa, sono sufficienti due minuti in una posizione fissa.

Nel processo, vengono acquisite diverse scansioni, quindi l'operatore seleziona la massima qualità e immagini informative. Il risultato dello studio sono protocolli, mappe e tabelle con cui il medico può determinare la presenza di cambiamenti nel sistema visivo. La memoria del tomografo contiene un quadro normativo che contiene informazioni su quante persone sane hanno indicatori simili. Minore è la coincidenza, maggiore è la probabilità di una patologia in un particolare paziente.

Cambiamenti morfologici del fondo visibili su immagini PTOM:

  • un alto grado di miopia;
  • formazioni benigne;
  • stafiloma sclerale;
  • edema diffuso e focale;
  • edema maculare diabetico;
  • edema con membrana neovascolare subretinale;
  • pieghe della retina;
  • trazione vitreoretinale;
  • rottura lamellare e maculare;
  • attraverso la rottura maculare;
  • pseudo-rottura maculare;
  • distacco dell'epitelio pigmentato;
  • distacco sieroso del neuroepitelio;
  • drusi;
  • rotture dell'epitelio del pigmento;
  • edema maculare diabetico;
  • edema cistico maculare;
  • retinoschisi miopica.

Come puoi vedere, le capacità diagnostiche dei PTOM sono estremamente diverse. I risultati vengono visualizzati sul monitor come un'immagine stratificata. Il dispositivo converte in modo indipendente i segnali, che possono essere utilizzati per valutare la funzionalità della retina. È possibile effettuare una diagnosi basata sui risultati dei PTOM entro mezz'ora.

Decodifica di immagini OCT

Per interpretare correttamente i risultati della tomografia a coerenza ottica, l'oftalmologo deve avere una conoscenza approfondita dell'istologia della retina e della coroide. Anche gli specialisti con esperienza non possono sempre confrontare le strutture tomografiche e istologiche, quindi è desiderabile che diversi medici studino immagini di PTOM.

Accumulo di fluido

La tomografia ottica consente di identificare e valutare l'accumulo di liquido nel bulbo oculare, nonché di determinarne la natura. L'accumulo di liquido intraretinico può indicare edema retinico. È diffuso e cistico. Gli accumuli di liquido intraretinico sono chiamati cisti, microcisti e pseudocisti..

La congestione subretinale indica un distacco sieroso del neuroepitelio. Le immagini mostrano l'elevazione del neuroepitelio e l'angolo di distacco dall'epitelio del pigmento è inferiore a 30 °. Il distacco sieroso, a sua volta, indica CSF o neovascolarizzazione coroidale. In rari casi, il distacco è un segno di coroidite, formazioni coroidali, bande angioidi.

La presenza di accumulo di fluido subpigmentato indica il distacco dell'epitelio del pigmento. Le immagini mostrano l'elevazione dell'epitelio sulla membrana di Bruch..

Neoplasie negli occhi

Sulla tomografia ottica, è possibile vedere le membrane epiretinali (pieghe nella retina), nonché valutare la loro densità e spessore. Con miopia e neovascolarizzazione coroidale, le membrane appaiono come ispessimenti a forma di fuso. Spesso sono combinati con l'accumulo di liquidi..

Le membrane neovascolari nascoste nelle immagini sembrano ispessimenti irregolari dell'epitelio del pigmento. Le membrane neovascolari sono diagnosticate con degenerazione maculare legata all'età, CSF cronica, miopia complicata, uveite, iridociclite, coroidite, osteoma, nevo, degenerazione pseudovitelliforme.

Il metodo OCT consente di determinare la presenza di formazioni intraretiniche (focolai di lana di cotone, emorragie, essudato solido). La presenza di focolai di lana di cotone sulla retina è associata a danno del nervo ischemico nella retinopatia diabetica o ipertensiva, tossicosi, anemia, leucemia, morbo di Hodgkin.

Gli essudati solidi possono essere stellati o isolati. Di solito sono localizzati al confine dell'edema retinico. Tali formazioni si trovano nella retinopatia diabetica, radiologica e ipertensiva, nonché nella malattia di Coats e nella degenerazione maculare umida..

Formazioni profonde si notano con degenerazione maculare. Appaiono cicatrici fibrose che deformano la retina e distruggono il neuroepitelio. Su PTOM, tali cicatrici danno un effetto ombra.

Strutture patologiche con alta riflettività sui PTOM:

  • nevo;
  • ipertrofia dell'epitelio pigmentato;
  • cicatrici;
  • emorragie;
  • essudato duro;
  • trucchi in lana di cotone;
  • membrane neovascolari;
  • infiltrati infiammatori;

Strutture patologiche a bassa riflettività:

  • cisti;
  • edema;
  • distacco di neuroepitelio ed epitelio pigmentato;
  • ombreggiatura;
  • ipopigmentazione.

Effetto ombra

I tessuti ad alta densità ottica possono oscurare altre strutture. Con l'effetto ombra sulle immagini OCT, è possibile determinare la posizione e la struttura delle formazioni patologiche nell'occhio.

L'effetto ombra è dato da:

  • densa emorragia preretinale;
  • trucchi in lana di cotone;
  • emorragie;
  • essudati solidi;
  • melanoma;
  • iperplasia, ipertrofia dell'epitelio pigmentato;
  • formazioni pigmentate;
  • membrane neovascolari;
  • cicatrici.

Caratteristiche retiniche su PTOM

Il gonfiore è la causa più comune di ispessimento della retina. Uno dei vantaggi della tomografia ottica è la capacità di valutare e monitorare la dinamica di diversi tipi di edema retinico. Si osserva una diminuzione dello spessore con degenerazione maculare legata all'età con formazione di zone di atrofia.

Lo Strumento di personalizzazione di Office consente di stimare lo spessore di uno strato specifico della retina. Lo spessore dei singoli strati può variare con il glaucoma e una serie di altre patologie oftalmiche. Il parametro del volume della retina è molto importante per identificare l'edema e il distacco sieroso, nonché per determinare la dinamica del trattamento.

La tomografia ottica può rivelare:

  1. Distrofia maculare legata all'età. Una delle principali cause di disabilità visiva nelle persone di età superiore ai 60 anni. Sebbene nella diagnosi della distrofia vengano utilizzati diversi metodi, la tomografia a coerenza ottica rimane la principale. Lo Strumento di personalizzazione di Office ti permette di determinare lo spessore della coroide nella degenerazione maculare, con il suo aiuto è possibile effettuare una diagnosi differenziale con corioretinopatia sierosa centrale.
  2. Corioretinopatia sierosa centrale. La malattia è caratterizzata dal distacco dello strato neurosensoriale dall'epitelio del pigmento. Nella maggior parte dei casi, la corioretinopatia scompare spontaneamente entro 3-6 mesi, sebbene in alcuni casi si accumuli liquido, il che provoca un deterioramento visivo persistente. CSF cronico richiede un trattamento speciale. Di norma, si tratta di iniezioni intravitreali e coagulazione laser.
  3. Retinopatia diabetica. La patogenesi della malattia è dovuta al danno vascolare. La diagnostica consente di identificare l'edema retinico e controllare le condizioni del corpo vitreo (compreso il distacco posteriore rivelatore).
  4. Rottura maculare, fibrosi epiretinale. Gli OCT possono essere utilizzati per determinare il grado di danno alla retina, pianificare le tattiche del trattamento chirurgico e valutare i risultati.
  5. Glaucoma. Con l'aumento della pressione intraoculare, la tomografia è un ulteriore metodo di esame. Il metodo è molto utile nel glaucoma normoteso, quando si nota un danno al nervo ottico a pressione intraoculare normale. I PTOM possono confermare la malattia e determinarne lo stadio.

La tomografia a coerenza ottica è il metodo più sicuro e informativo per esaminare il sistema visivo. Gli OCT sono consentiti anche per quei pazienti che hanno controindicazioni ad altri metodi diagnostici di alta precisione.

E 'Importante Conoscere Il Glaucoma